rotate-mobile
Giovedì, 30 Maggio 2024
L'ok / Ucraina

Ok alla proroga dello stop ai dazi all'Ucraina (ma con salvaguardie per gli agricoltori)

Parlamento e Consiglio Ue hanno approvato il prolungamento del provvedimento di un anno. Se le importazioni supereranno i livelli pre guerra, i dazi saranno reintrodotti per alcuni prodotti (ma non il grano)

Parlamento e Consiglio Ue hanno deciso di appoggiare la sospensione per un altro anno, fino al 5 giugno 2025, dei dazi all'importazione agricole ucraine verso l'Unione, come forma di solidarietà con il Paese alle prese con la guerra con la Russia di Vladimir Putin. Le due istituzioni hanno trovato un accordo in Trilogo (le trattative mediate dalla Commissione), che oggi sono state approvate anche in tempi record nella commissione Agricoltura dell'Aula di Bruxelles.

Le esenzioni, dopo le proteste dei produttori del blocco, che sostengono si tratti di concorrenza sleale che li mette in difficoltà, sono state accompagnate da delle salvaguardie per gli agricoltori europei. Il compromesso raggiunto è stato quello di prevedere il ritorno dei dazi su alcuni prodotti se si supereranno le importazioni medie del periodo pre-bellico. Da questo compromesso è stato però escluso il grano, il che è un'ottima notizia per l'Ucraina. Secondo gli esperti la stretta anche su questo cereale sarebbe potuta costare a Kiev 331 milioni di euro in imposte.

Nell'ambito delle misure di salvaguardia potrà essere attivato un freno di emergenza per i prodotti agricoli particolarmente sensibili, ovvero pollame, uova, zucchero, avena, semole, mais e miele. Se le importazioni di questi prodotti dovessero superare la media dei volumi di importazione registrati nella seconda metà del 2021 e in tutti gli anni 2022 e 2023, i dazi verrebbero reimposti.

"Con questo nuovo accordo con il Consiglio, abbiamo rafforzato le misure di salvaguardia per proteggere gli agricoltori dell'Ue in caso di turbolenze del mercato provocate dalle importazioni ucraine. Estendendo le misure di sostegno commerciale per un altro anno, questo accordo testimonia anche la continua solidarietà e l'incrollabile sostegno dell'UE all'Ucraina di fronte alla brutale guerra di aggressione della Russia, fino alla vittoria dell'Ucraina", ha affermato la popolare lettone Sandra Kalniete, relatrice del testo per l'Aula. L'accordo dovrà passare il passaggio formale dell'ok definitivo in Plenaria e in Consiglio Ue

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ok alla proroga dello stop ai dazi all'Ucraina (ma con salvaguardie per gli agricoltori)

Today è in caricamento