rotate-mobile
Mercoledì, 7 Dicembre 2022
Energia / Finlandia

Dopo 15 anni in Europa si inaugura una nuova centrale nucleare

Iniziata la produzione test nel reattore Olkiluoto 3 in Finlandia, che avrebbe dovuto essere aperto ben 13 anni fa. Dovrebbe soddisfare il 15 % del bisogno di elettricità della nazione

In Finlandia ha iniziato i test per la produzione energetica di una nuova centrale nucleare, la prima ad aprire in Europa da quasi 15 anni. Si tratta del terzo reattore dell'impianto di Olkiluoto, che è entrato in funzione con ben 13 anni di ritardo rispetto ai tempi inizialmente previsti, ed entrerà in servizio mentre i Paesi europei cercheranno di ridurre la loro dipendenza dal gas russo.

Olkiluoto 3 ha iniziato la produzione di prova a poco più di 0,1 gigawatt, una piccola frazione della sua capacità, con l'aumento alla produzione regolare previsto entro la fine di luglio. Una volta pienamente operativo, dovrebbe soddisfare il 14% della domanda di elettricità della Finlandia, riducendo la necessità di importazioni da Russia, Svezia e Norvegia. Il reattore da 1,6 gigawatt avrebbe dovuto aprire a Eurajoki nel 2009, ma ha riscontrato problemi tecnici che sono diventati oggetto di cause legali.

È la prima nuova centrale nucleare finlandese in oltre quarant'anni. Tvo, che gestisce il reattore, è di proprietà dell'utility finlandese Fortum e di piccole aziende energetiche e forestali. "OL3 migliora significativamente l'autosufficienza elettrica della Finlandia e aiuta a raggiungere gli obiettivi di neutralità del carbonio", ha rivendicato l'azienda in una nota. "Olkiluoto 3 ridurrà la dipendenza dalle importazioni della nazione che diventerà una zona di prezzo più economica", ha detto alla Reuters Alexander Esser, economista di Aurora Energy Research. Le importazioni nette di energia della Finlandia sono state in media di 13 terawattora negli ultimi anni, che dovrebbero scendere fino a 5 TWh entro il 2025 con Olkiluoto 3 in funzione, ha affermato Esser.

L'energia nucleare rimane controversa in Europa. Alcuni Paesi, come la Germania, stanno eliminando gradualmente i reattori mentre altri, tra cui Francia e Regno Unito, stanno discutendo nuovi sviluppi. Ma la stessa Berlino, e il Belgio stanno pensando di mettere in pausa i loro piani i uscita dall'energia atomica, anche alla luce della nuova situazione che si è creata in seguito all'invasione dell'Ucraina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo 15 anni in Europa si inaugura una nuova centrale nucleare

Today è in caricamento