rotate-mobile
Martedì, 25 Giugno 2024
Il caso / Norvegia

Super ricchi in fuga dalla patrimoniale: così la Norvegia ha perso 52 miliardi

È bastato un piccolo aumento dell'imposta sui patrimoni per spingere decine di super ricchi a fuggire in Svizzera. Ma il governo tira dritto

È il quinto Paese al mondo per reddito pro capite, e la recente crisi energetica in Europa ha portato introiti record alle sue aziende del settore e alle casse dello Stato. Ma quando il governo di centrosinistra ha deciso di aumentare, di poco, l'imposta sui patrimoni, decine di miliardari hanno abbandonato la Norvegia per spostare la loro residenza fiscale in Svizzera o in altri Paesi con una tassazione più favorevole per i super ricchi.

È quanto emerge da un'inchiesta del quotidiano Dagens Naeringsliv: più di 30 miliardari e multimilionari hanno lasciato la Norvegia nel 2022, causando la perdita di decine di milioni di entrate fiscali per il governo. La fuga è stata innescata dall'aumento della patrimoniale scattato lo scorso novembre: un aumento relativamente contenuto, che ha portato l'aliquota massima sui patrimoni all'1,1 per cento. Ma tanto è bastato ai super ricchi norvegese per fare armi e bagagli, e trasferirsi laddove il fisco è più generoso con le loro fortune.

Magnati come Inge Rokke, con un patrimonio stimato di 1,6 miliardi di euro, che è stato accolto a braccia aperte dalla Svizzera: “Ho scelto Lugano come mia nuova residenza - ha scritto in una lettera aperta - Non è né la più economica, né ha le tasse più basse. Ma in cambio è un posto fantastico con una posizione centrale in Europa". Il suo trasferimento costerà alle casse di Oslo qualcosa come 15 milioni di euro in meno di entrate fiscali annuali. Secondo Dagens Næringsliv, Rokke era il norvegese più tassato fino al 2021, e in tredici anni avrebbe pagato circa 130 milioni di euro di tasse.

Ole Gjems-Onstad, professore emerito presso la Norwegian business school, ha stimato che la fuga di super ricchi registrata l'anno scorso ha portato via patrimoni dal Paese pari a 600 miliardi di corone norvegesi, circa 52 miliardi di euro. “Secondo me è un po' come la Brexit. La Norvegia non ha una grande tradizione di autolesionismo e l'ondata di imprenditori che si trasferiscono all'estero è stata una sorta di shock ", ha affermato Gjems-Onstad al Guardian. "Alcuni politici, come sapete, stanno incolpando i ricchi che si trasferiscono, ma penso che a molte persone comuni semplicemente non piaccia che i nostri migliori investitori se ne vadano", ha aggiunto.

Il governo, però, tira dritto. Il ministro delle Finanze Erlend Grimstad si è detto fiducioso che la fuga è solo temporanea, e che a breve i miliardari che si sono trasferiti all'estero torneranno in patria: "Incoraggiamo i norvegesi a creare valore e a diventare ricchi. Crediamo che il modello norvegese con un forte sistema di welfare pubblico e alti livelli di istruzione siano fattori importanti per rendere possibile questo successo", ha detto, sottolineando che "il modello in Norvegia" prevede che chi ha più risorse, paghi "un po' più" di tasse.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Super ricchi in fuga dalla patrimoniale: così la Norvegia ha perso 52 miliardi

Today è in caricamento