rotate-mobile
Venerdì, 27 Gennaio 2023
Le sanzioni / Kazakistan

Il Kazakistan aiuterà le aziende Ue a vendere in Russia

E lo farà con la benedizione della Commissione europea: "Non è un modo di aggirare le sanzioni"

Davanti alle sanzioni europee e al blocco del mercato russo, il Kazakistan ha deciso di dare una mano alle aziende che vogliono continuare a vendere merci in Russia, con la benedizione della Commissione europea. Lo ha rivelato Timur Suleimenov, consigliere del presidente kazako Qasym-Jomart Toqaev durante un’intervista a Politico.

Suleimenov assicura che il suo Paese non sta offrendo un modo per aggirare le sanzioni internazionali, ma per aiutare le aziende a vendere legittimamente beni come scarpe da ginnastica e magliette ai russi. Ha poi spiegato di essersi incontrato con Valdis Dombrovskis, il commissario europeo per il Commercio, e di aver ricevuto l’approvazione della Commissione per l’accordo. Secondo quanto riportato da Suleimenov Bruxelles avrebbe accettato che le aziende europee operino dal Kazakistan, che ha un accesso privilegiato al mercato russo attraverso l'Unione economica eurasiatica “purché il regime di sanzioni venga rispettato” e, dato che il Kazakistan rispetta tutti gli altri obblighi “sono più che felici che le aziende europee siano in Kazakistan. E noi vorremmo che fossero in Kazakistan, quindi faremo sforzi molto concreti perché ciò avvenga".

"Le aziende europee stanno lasciando la Russia o a causa delle sanzioni, o a causa della pressione del pubblico, degli azionisti e per ragioni etiche", ha detto. "Vogliono essere da qualche parte nel vicinato, e noi vorremmo essere quel vicino", ha spiegato. "Il commercio è il commercio e queste aziende vorrebbero condividere il mercato russo dei consumatori". L'offerta del Kazakistan, e ancor più il fatto (per ora non confermato ufficialmente da fonti europee) che questa sia sostenuta da fonti della Commissione, probabilmente riaccenderà il dibattito sulle questioni etiche di operare nella Russia di Putin. Le aziende stanno soppesando i rischi di mantenere le loro operazioni russe aperte, contro i crescenti appelli degli attivisti a boicottare il Paese.

Ex Stato sovietico, il Kazakistan condivide un ampio confine terrestre con la Russia e la Cina ed esporta principalmente petrolio greggio. Ha una posizione neutrale sulla guerra in Ucraina, ha detto Suleimenov. "Non ci schieriamo con nessuna parte del conflitto militarmente o politicamente, ma forniamo aiuti umanitari all'Ucraina". Contattata da Politico e interrogata circa l'incontro tra la delegazione kazaka e Dombrovskis, la Commissione ha detto che Dombrovskis ha sottolineato l'importanza di attuare e far rispettare le sanzioni contro la Russia ed entrambe le parti "hanno confermato l'importanza di approfondire le relazioni Ue-Kazakistan, il commercio bilaterale e la cooperazione in una serie di settori di reciproco interesse tra cui l'energia, la connettività, l'agricoltura, l'agenda verde, e materie prime critiche".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Kazakistan aiuterà le aziende Ue a vendere in Russia

Today è in caricamento