Mercoledì, 17 Luglio 2024
La mossa / Grecia

Mentre l'Italia dibatte, la Grecia aumenta il suo salario minimo

Si tratta del terzo aumento in poco più di un anno, deciso dopo che le famiglie del Paese sono state colpite da una forte inflazione che ha ridotto il loro potere d'acquisto: sarà portato a 780 euro

Mentre in Italia infuria il dibattito sull'opportunità o meno di stabilire un salario minimo, in Grecia, complici anche le imminenti elezioni, è stato aumentato quello nazionale. Il governo ha deciso che dal mese prossimo sarà portato a 780 euro, il terzo aumento in poco più di un anno.

Lo ha annunciato il premier Kyriakos Mitsotakis, a pochi mesi dalla scadenza del suo mandato. Il governo conservatore di Mitsotakis e dei popolari di Nuova Democrazia, il cui mandato quadriennale termina a luglio, ha aumentato due volte lo scorso anno il salario minimo lordo mensile, portandolo a 713 euro, dopo che i redditi delle famiglie sono stati colpiti da un'inflazione costantemente elevata. Ora Atene prevede di aumentarlo ancora del 9,4%. "Siamo tutti consapevoli che i salari nel nostro Paese sono ancora bassi, mentre l'inflazione importata sta esercitando un'ulteriore pressione su di essi", ha detto Mitsotakis. "Ovviamente, questo nuovo aumento non risolverà il problema. Ma offrirà sicuramente un sollievo molto importante", ha aggiunto, affermando che l'aumento è il massimo che il governo può offrire nell'ambito della capacità finanziaria del Paese.

Dal 2020, la Grecia ha speso più di 40 miliardi di euro in sussidi e aiuti finanziari per le famiglie e le imprese che hanno faticato a far fronte alla pandemia di Covid-19 e all'aumento dei costi energetici in seguito alla guerra in Ucraina. Quest'anno ha anche introdotto un aumento dell'8% delle pensioni, il primo dal 2010, quando è scoppiata la decennale crisi del debito che ha portato il governo a tagliarle fino al 2018. I salari in Grecia rimangono particolarmente bassi a causa della loro riduzione durante la crisi finanziaria dell'ultimo decennio (2009-2018) e delle severe misure di austerità imposte dai creditori del Paese (Ue e Fmi). Ridotto del 22% durante la crisi, il salario minimo è stato aumentato dell'11% per la prima volta dal precedente governo di sinistra, guidato da Alexis Tsipras.

Secondo il governo, l'aumento attuale riguarderà circa 585mila dipendenti su un totale di 2,5 milioni in Grecia. L'annuncio arriva mentre Nuova Democrazia, nonostante sia ancora in testa ai sondaggi, ha perso 2,5 punti percentuali sul suo principale rivale, la sinistra radicale di Syriza, guidata da Tsipras. A pesare l'incidente ferroviario del 28 febbraio che ha ucciso 57 persone e ha provocato un'ondata di rabbia e proteste contro il governo. Proprio ieri c'è stato uno sciopero generale di 24 ore proclamato dalle principali sigle sindacali, Gsee e Adedy, per protestare contro le carenze di sicurezza della rete ferroviaria che, insieme all'errore umano, hanno causato il recente disastro. Circa 40mila persone hanno sfilato nelle strade di di Atene, dove ci sono stati anche alcuni scontri con la polizia, ed altre migliaia hanno invaso il centro di Salonicco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mentre l'Italia dibatte, la Grecia aumenta il suo salario minimo
Today è in caricamento