rotate-mobile
Martedì, 27 Settembre 2022
La decisione / Germania

Nuova tassa sul gas, i tedeschi pagheranno 480 euro l'anno per aiutare le imprese in difficoltà

Il prelievo sarà imposto a partire dal primo ottobre e rimarrà in vigore fino all'aprile 2024. Il ministro dell'Economia: "L'alternativa sarebbe stata il collasso del mercato energetico"

Per i tedeschi prevista una stangata sui costi dell'energia, con i cittadini che dovranno pagare una nuova tassa che ammonterà ogni anno a circa 480 euro, per aiutare le imprese a coprire i costi di sostituzione delle forniture russe. Trading Hub Europe, l'operatore del mercato tedesco del gas ha dichiarato di aver fissato la tassa a 2,419 centesimi di euro per chilowattora (kWh). Il prelievo sarà imposto a partire dal primo ottobre e rimarrà in vigore fino all'aprile 2024, nel tentativo di aiutare Uniper - il principale importatore di gas russo del Paese - e altri importatori a far fronte all'impennata dei prezzi. Per una famiglia media di quattro persone, la tassa dovrebbe significare un costo aggiuntivo annuale di quasi 500 euro.

"L'alternativa sarebbe stata il collasso del mercato energetico tedesco, e con esso di gran parte del mercato energetico europeo", ha commentato il ministro dell'Economia Robert Habeck, assicurando che il modello energetico tedesco, dipendente dalla Russia, è fallito e non tornerà. "Dobbiamo cambiare e nel farlo, a volte dobbiamo prendere una medicina amara", ha detto Habeck, sostenendo la necessità di sgravi mirati per aiutare le famiglie. Dopo l'invasione dell'Ucraina Mosca ha ridotto i flussi di gas verso la Germania, imputando la cosa a problemi tecnici e alla burocrazia legata alle sanzioni occidentali, portando le forniture de Nord Stream 1 al 20% della loro capacità, e Berlino ha definito le riduzioni come politicamente motivate.

Come riporta la Reuters anche l'industria sarà soggetta all'imposta, e la Federazione tedesca dell'acciaio ha dichiarato che questa aggiungerà circa altri 500 milioni di euro all'anno alle bollette energetiche del settore, oltre ai 7 miliardi di euro di costi aggiuntivi già attribuiti agli alti prezzi dell'energia. "La sovrattassa sul gas aumenta significativamente la pressione sui costi già esercitata sull'industria siderurgica dall'estremo aumento dei prezzi sui mercati dell'energia", ha dichiarato il presidente della Federazione Hans JuergenKerkhoff.

Gli economisti hanno avvertito che il prelievo accelererebbe ulteriormente l'inflazione nella più grande economia europea, che già si attesta a un elevato 8,5%, con la scadenza di alcune misure di sostegno come i biglietti a basso costo per i trasporti pubblici. "Il prelievo sul gas dovrebbe aumentare l'inflazione, compresa l'imposta sul valore aggiunto, di quasi un punto percentuale", ha dichiarato Joerg Kraemer, capo economista della Commerzbank, aggiungendo che il tema si aggiunge ai crescenti segnali che l'economia tedesca potrebbe scivolare in recessione quest'inverno. La Federazione delle industrie tedesche ha chiesto misure di sostegno alle imprese dopo che giovedì il cancelliere Olaf Scholz ha promesso un ulteriore pacchetto di aiuti per le famiglie. La Germania è anche in attesa di una risposta da Bruxelles sull'esenzione dall'Iva per il prelievo.

"Dovremmo evacuare Piombino": il rigassificatore può salvare l'Italia ma è una bomba ambientale

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuova tassa sul gas, i tedeschi pagheranno 480 euro l'anno per aiutare le imprese in difficoltà

Today è in caricamento