rotate-mobile
Martedì, 25 Giugno 2024
Le conseguenze della guerra / Germania

La crisi colpisce duro, Germania sull'orlo della recessione

L'indice di fiducia delle imprese, pubblicato dall'Istituto tedesco per la ricerca economica (Ifo), è peggiorato "bruscamente" a luglio, raggiungendo il minimo storico da giugno 2020

La Germania è sull’orlo della recessione a causa dell'aumento dei prezzi dell'energia e della minaccia di carenza di gas. L'indice di fiducia delle imprese, pubblicato dall'Istituto tedesco per la ricerca economica (Ifo), è peggiorato "bruscamente" a luglio, raggiungendo il minimo storico da giugno 2020. L'indice è sceso a luglio a 88,6, rispetto ai 92,2 di giugno. Il sottoindice sulle condizioni correnti scende a 97,7 da 99,4 e l'indice sulle aspettative a 80,3 da 85,5. L'indagine condotta su circa 9mila aziende mostra che gli imprenditori si aspettano un significativo peggioramento della situazione economica nei prossimi mesi.

"Il sentiment negli affari tedeschi si è notevolmente raffreddato. Le aziende tedesche si aspettano che gli affari diventino molto più difficili nei prossimi mesi e sono anche meno soddisfatte della loro situazione attuale". "I prezzi elevati dell'energia e l'imminente penuria di gas sono un peso", spiega e "la Germania è sull'orlo di una recessione", ha spiegato Clemens Fuest, presidente dell'Ifo.

I timori per aventuali stop alle forniture di gas russo "pesano sulle prospettive" della crescita tedesca, ha dichiarato la banca centrale nel suo rapporto mensile. Un rischio fondamentale per la Germania, che importa gran parte del gas naturale dalla Federazione, è che ulteriori restrizioni o interruzioni delle forniture energetiche possano far aumentare ulteriormente l'inflazione. Già schiacciati dall'aumento dei prezzi, i consumatori e le imprese devono ora fare i conti con l'aumento dei tassi di interesse dopo che, la scorsa settimana, la Banca Centrale Europea (Bce) ha aumentato i costi di finanziamento per la prima volta in più di un decennio.

Il Nord Stream 1, il gasdotto che collega Russia e Germania, ha ripreso il servizio giovedì dopo dieci giorni di manutenzione, ma solo al 40 per cento della sua capacità. Si temeva che la Russia avrebbe prolungato la manutenzione annuale del Nord Stream 1, e l'Italia e la Germania hanno avvertito che Mosca avrebbe potuto usare questa scusa per ridurre ulteriormente i flussi di gas verso l'Europa.

"L'indice Ifo indica ora chiaramente un rallentamento dell'economia tedesca", ha dichiarato Joerg Kraemer, analista economico di Commerzbank. "La gravità della situazione dipende purtroppo soprattutto da Vladimir Putin".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La crisi colpisce duro, Germania sull'orlo della recessione

Today è in caricamento