rotate-mobile
Mercoledì, 5 Ottobre 2022
Economia

La Germania nazionalizza il principale importatore di gas dalla Russia

Dopo che Mosca ha chiuso i rubinetti la società rischiava il fallimento avendo dovuto acquistare idrocarburi sul mercato per adempiere agli obblighi contrattuali con i clienti. Berlino: “Intervento necessario”

Il governo tedesco diventerà l'azionista di maggioranza del più grande importatore di gas tedesco, la Uniper, nel tentativo di affrontare la crisi energetica causata dalla decisione della Russia di interrompere tutte le forniture di gas. Dopo il completamento di un aumento di capitale e l'acquisizione di azioni Uniper da Fortum, il precedente azionista di maggioranza, Berlino possiederà circa il 98,5% dell'azienda, aggiungendo altri 8 miliardi di euro al piano di salvataggio concordato a luglio.

Uniper è stata colpita dalle recenti contorsioni del mercato energetico da quando Mosca ha interrotto le forniture di gas alla Germania attraverso il suo gasdotto Nord Stream 1, sostenendo che la manutenzione è necessaria ma non può essere effettuata a causa delle sanzioni occidentali. Berlino afferma invece che si tratta di una mossa politica voluta da Vladimir Putin come ritorsione contro le sanzioni scatenate dalla guerra in Ucraina. Di conseguenza, Uniper ha dovuto affrontare gravi problemi finanziari, poiché i suoi clienti si aspettano ancora il carburante, anche se le forniture russe si sono esaurite, e l'azienda ha quindi dovuto spendere molto più del previsto per acquistare gas sul mercato aperto per adempiere ai suoi obblighi contrattuali.

Scholz si rivolge agli emirati del Golfo per sostituire il gas russo

Uniper ha già ricevuto il sostegno dello Stato tedesco, ma la situazione è ora peggiorata al punto che è stato necessario un salvataggio governativo per garantire che l'azienda sia in grado di rimanere a galla. La nazionalizzazione del maggiore importatore tedesco di gas russo è la seconda mossa in una settimana da parte del governo per prendere il controllo di un'azienda energetica e fa parte di una più ampia risposta europea alla crisi invernale, che comprende anche l'acquisizione di Edf da parte della Francia. La settimana Berlino ha preso il controllo di una raffineria petrolifera di proprietà russa, che fornisce il 90% del carburante della capitale, ponendo un'unità di Rosneft sotto l'amministrazione fiduciaria dell'autorità di regolamentazione del settore e rilevando l'impianto di Schwedt.

"È necessario un intervento contro la crisi per garantire l'approvvigionamento energetico e per questo lo Stato tedesco ora ha acquisito l'impresa", ha detto il ministro delle Finanze tedesco, Christian Lindner, "Lo Stato farà tutto il possibile per mantenere sempre stabili le società sul mercato", ha dichiarato aggiunto il ministro dell'Economia Robert Habeck.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Germania nazionalizza il principale importatore di gas dalla Russia

Today è in caricamento