rotate-mobile
Mercoledì, 29 Maggio 2024
Ex locomotiva? / Germania

"La Germania sta diventando l'anello debole dell'Europa"

L'analisi del Financial times, che sottolinea le difficoltà dell'economia tedesca. Mentre Italia, Francia e Spagna registrano una crescita più robusta del previsto

"Le prospettive della Germania sono 'fragili', come ha detto il ministro delle Finanze tedesco Christian Lindner". È quanto si legge in un'analisi del Financial Times dal titolo 'Da locomotiva ad anello debole d'Europa: l'economia della Germania vacilla'.

La "più grossa economia d'Europa", si legge sul quotidiano britannico, "sta vivendo una serie di shock che incidono negativamente sul suo quadro economico". Oltre all'impennata dell'inflazione e al rincaro dei prezzi energetici, "persistenti problemi sulle catene di approvvigionamento e una domanda globale più debole pesano enormemente sul settore industriale".

"La cosa più preoccupante è quanto sia ampia la debolezza dell'economia", ha affermato Clemens Fuest, capo dell'Ifo Institut, autorevole think tank tedesco. Nelle precedenti flessioni, i servizi hanno sofferto ma l'industria si è ripresa e viceversa. "Ma ora stiamo vedendo una debolezza su tutta la linea", aggiunge. L'economia tedesca ha ristagnato tra il primo e il secondo trimestre, mentre l'area della moneta unica nel suo insieme è cresciuta dello 0,7 per cento. Il mese scorso il Fondo monetario internazionale ha ridotto le sue previsioni per la crescita tedesca nel 2023 di 1,9 punti percentuali allo 0,8%, il più grande declassamento di qualsiasi Paese.

Mentre Italia, Spagna e Francia hanno registrato una crescita più forte del previsto sulla scia di un boom alimentato dal turismo, la Germania ha dovuto fare più affidamento sulla domanda interna. Ma con i consumatori che lavorano in condizioni di alta inflazione, la spesa e la fiducia sono fragili. Le vendite al dettaglio sono diminuite dell'8,8% rispetto all'anno precedente, il calo più grande mai registrato. "Le persone si sentono davvero insicure", ha affermato Monika Schnitzer, professoressa di economia all'Università Ludwig Maximilian di Monaco e membro del gruppo di economisti che fornisce consulenza al governo tedesco . "Gli è stato detto di risparmiare soldi in vista di bollette energetiche più elevate e questo ha portato a un calo dei consumi", aggiunge.

Secondo diversi analisti, il rischio di recessione è dietro l'angolo. Il mese scorso, l'indice di fiducia delle imprese è sceso al livello più basso da oltre due anni. "Sebbene la produzione industriale abbia registrato un modesto aumento a giugno, gli ordini sono diminuiti dello 0,4%, il quinto calo mensile consecutivo, e ora sono inferiori del 9% rispetto al livello di un anno fa", scrive ancora il Financial Times.

La sfida dei prossimi mesi per le imprese sarà "come orientarsi tra la Scilla dei continui problemi con le catene di approvvigionamento e la Cariddi dell'aumento dei prezzi del gas". Circa il 73,3% delle aziende intervistate da Ifo a luglio ha dichiarato di soffrire di carenze nell'approvvigionamento, con circa il 90% delle aziende nei settori dell'elettronica, della costruzione di macchine e dell'auto che lottano per procurarsi tutti i materiali e i prodotti intermedi di cui hanno bisogno.

Un problema ancora più grande è l'aumento dei prezzi dell'energia. Hans Jürgen Kerkhoff, presidente della Federazione tedesca dell'acciaio, ha affermato che l'industria siderurgica deve sostenere costi aggiuntivi di circa 7 miliardi di euro all'anno, rispetto al 2021, a causa dell'aumento delle bollette del gas e dell'elettricità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"La Germania sta diventando l'anello debole dell'Europa"

Today è in caricamento