rotate-mobile
Lunedì, 27 Giugno 2022
Crisi energetica

Le conseguenze per l'Europa (e per l'Italia) dell'addio al petrolio russo

Non c'è solo il veto dell'Ungheria. Da Siracusa al Brandeburgo, ecco chi teme l'embargo Ue al greggio

L'Unione europea è scivolata sul petrolio: da settimane, la proposta di vietare le importazioni di greggio dalla Russia lanciata dalla Commissione è bloccata la tavolo dei Paesi membri, formalmente per l'opposizione dell'Ungheria. Ma dietro la battaglia del premier Viktor Orban si nasconde una fitta rete di intrecci, tra interessi commerciali e politici, che attraversano l'intero continente fino ad arrivare al di là dell'Atantico. E non sempre si tratta di ragioni attenenti alla sfera dei cosiddetti poteri forti: ci sono anche questioni socioeconomiche che riguardano migliaia di posti di lavoro a rischio e l'inflazione che erode i bilanci delle famiglie a basso e medio reddito. 

Cambia il contesto e mutano le previsioni. La Iea, l’Agenzia internazionale dell’energia, a marzo aveva previsto uno “shock dell'offerta globale” determinato dall’eventuale stop alle esportazioni di petrolio dalla Russia. L’impatto dell’esclusione di Mosca dal mercato del greggio e dei derivati raffinati del petrolio, ora prospettato dal sesto pacchetto di sanzioni Ue al Cremlino per l’invasione dell’Ucraina, viene invece stimato al ribasso nell’ultimo rapporto mensile dell’agenzia. 

La Federazione Russa a marzo ha esportato circa 8,1 milioni di barili di petrolio al giorno verso il resto del mondo, segnando una riduzione rispetto ai mesi precedenti. Ad aprile le esportazioni sono però rimbalzate di 620 mila barili in più al giorno rispetto al mese precedente. L'Unione europea, nonostante lo scontro tra Bruxelles e Mosca innescato dalla guerra in Ucraina, è rimasta il primo mercato di destinazione per le vendite estere di petrolio russo. La sola Ue acquista infatti il 43% delle esportazioni petrolifere russe. 

L’ultima previsione degli analisti dell’Iea è che l’export di petrolio russo si ridurrà di 1,6 milioni di barili al giorno a maggio, 2 milioni a giugno e quasi 3 milioni da luglio in poi. Tali previsioni dipendono però in buona parte dall’esito dei negoziati Ue sul sesto pacchetto di sanzioni alla Russia dall’inizio della guerra in Ucraina, che include un generale divieto di importazione nell’Ue del petrolio russo a partire dal 2023. 

Potrebbe essere la prima sanzione a colpire al cuore il sistema di potere di Vladimir Putin e l'economia russa, che finora hanno resistito alle misure punitive dell'Occidente contro l'invasione in Ucraina. Ma la proposta della Commissione europea di attuare un embargo sul petrolio di Mosca a partire dal 2023, come d'attese, sta facendo emergere le divisioni e le debolezze interne all'Ue. E non solo. I governi dei 27 Stati membri non hanno ancora trovato un'intesa. Gli ostacoli sono tanti. Vediamo quali.

L'oleodotto Druzhba

Il primo problema da affrontare è il veto di Ungheria e Slovacchia. Ogni sanzione Ue nei confronti di un Paese terzo, per essere approvata, ha bisogno dell'unanimità. E Budapest e Bratislava hanno chiarito, già prima che la Commissione europea facesse la fuga in avanti proponendo un sesto pacchetto di sanzioni, che non sono intenzionate a mettere la loro firma su un embargo immediato all'oro nero della Russia.

oleodotto-2

Il loro problema è la forte dipendenza dal petrolio che arriva attraverso l'oloedotto Druzhba. L'intero approvviggionamento di petrolio della Slovacchia dipende da questo oleodotto. Per l'Ungheria, rappresenta i due terzi delle forniture. Anche altri Paesi Ue (Germania, Finlandia e Bulgaria, per esempio) hanno lo stesso tasso di dipendenza dal petrolio russo. Ma Budapest e Bratislavia hanno una debolezza in più: non hanno sbocchi sul mare, il che rende più complicato sostituire le forniture via oleodotto con quelle che per esempio potrebbero arrivare via mare da altri produttori di greggio.

Petroliere e bandiere

Anche la Repubblica ceca non ha sbocchi sul mare e ha mosso le stesse riserve, chiedendo all'Ue che l'eventuale embargo venga effettuato in modo più graduale nel tempo, o di venire esentata per un certo periodo dallo stop al petrolio russo, come chiedono Slovacchia e Ungheria. Grecia, Malta e Cipro hanno invece lo sbocco sul mare, e l'oleodotto Druzhba non è affar loro. Ma elevare un embargo al petrolio russo vuol dire anche bloccare le petroliere che trasportano i carichi di greggio. E su questo, gli armatori greci, che rappresentano un pezzo importante del potere ad Atene, non sembrano molto d'accordo: "La Grecia non vuole rinunciare ai lucrativi contratti di spedizione di petrolio per la Russia", ha riassunto Politico.

final-PR-2-2

Per la Commissione, però, il divieto sulle petroliere è fondamentale per evitare che Mosca aggiri l'embargo: non basta colpire quelle battenti bandiera russa, ma anche le petroliere di altri Paesi, come appunto la Grecia, che trasportano il greggio dai giacimenti cari al Cremlino nei porti di tutto il mondo. Secondo una ricerca del Polish economic institute (Pei), già da settimane le circa 700 petroliere russe starebbero cambiando bandiera per aggirare le sanzioni. In gergo, sono chiamate "bandiere di comodo", e sono usate da tempo come metodo per pagare meno tasse e aggirare sanzioni internazionali, non solo dalla Russia (si pensi all'Iran). 

Il Pei segnala che ad aprile nei porti russi c'erano ormeggiate 15 petroliere dei Paesi più noti per usare bandiere di comodo (Bermuda, Hong Kong, Liberia e Isole Marshall), con una capacità di carico di circa 13 milioni di barili di petrolio, oltre a 12 petroliere di Grecia, Cipro e Malta, in grado di trasportare oltre 9,6 milioni di barili. Bruxelles vuole prima di tutto assicurarsi che gli armatori europei non trasportino più petrolio prodotto da Mosca, sia che lo portino nell'Ue, sia che lo consegnino ad altri Paesi, come la Cina, che potrebbero rimpiazzare le forniture europee. Ma anche questo aspetto dell'embargo proposto non fa l'unanimità 

Il ruolo di Berlino

Gli ostacoli sollevati da un pezzo dell'Ue erano chiaramente noti da tempo alla Commissione europea. Ma la presidente Ursula von der Leyen, dopo qualche giorno di ritardo, ha deciso di rompere gli indugi. È probabile che a darle una sponda siano stati i membri del governo tedesco, in particolare i Verdi, che hanno spostato la Germania verso una posizione favorevole all'embargo sul petrolio. Il giorno prima della presentazione della proposta di Bruxelles, il vicecancelliere tedesco e ministro dell'Economia Robert Habeck aveva dichiarato: “In passato abbiamo avuto una forte dipendenza dalla Russia (per il petrolio, ndr). Prima dell'inizio della guerra era del 35%. Ora l'abbiamo ridotto al 12%". Già nei giorni scorsi, Berlino si era mossa per trovare alternative al greggio russo, facendo sapere di essere pronta a dirvi addio entro la fine dell'anno. Ma questo non vuol dire che la Germania non abbia grossi problemi da affrontare. 

Il principale ostacolo riporta al già citato oleodotto Druzhba: la Germania, spiega Energy Monitor, riceve il suo petrolio da tre sistemi di oleodotti, uno da sud che arriva dall'Italia, uno da ovest che proviene dai porti tedeschi e olandesi nel Mare del Nord, e infine a est c'è il terminale di Druzhba. Chiudere questa fonte non sarà facile. Il piano è di sostituire il greggio russo che alimenta l'est del Paese (secondo la raffineria di Schwedt, nove auto su dieci nei land della Germania orientale di Berlino, Brandeburgo e Meclemburgo-Pomerania funzionano con greggio russo trasformato) con quello proveniente da ovest, ma ci sono dei problemi tecnici non da poco, compreso il fatto che "il greggio proveniente dall'ovest è diverso dal greggio proveniente dalla Siberia". Altro problema riguarda il diesel, da cui dipende un pezzo importante dell'industria auto tedesca: il 15% di quello usato in tutto il Paese arriva oggi dalla Russia. Si tratta di una criticità non solo per la Germania, ma anche per altri Paesi Ue. E non a caso la proposta della Commissione europea concede due mesi in più agli Stati per l'eliminazione graduale delle importazioni di petrolio raffinato da Mosca.

Il caso italiano

L'Italia, da un punto di vista della dipendenza, non è tra i Paesi Ue più esposti al greggio russo. Negli ultimi anni, le importazioni sono diminuite progressivamente, e nel 2020 si sono attestate a poco più dell'11 per cento del totale del petrolio arrivato dall'estero. Ma come per la Germania, anche noi abbiamo un problema localizzato geograficamente: è il polo petrolchimico di Priolo Gargallo, nell'area industriale di Siracusa, dove è presente la più grande raffineria del nostro Paese. Si chiama Isab (Industria siciliana asfalti e bitumi), è una società di diritto italiano ed è di proprietà della società svizzera Litasco SA, controllata da Lukoil, la seconda compagnia petrolifera russa e la più grande non di proprietà statale. Finora l'impianto di raffinazione del petrolio e produzione di energia elettrica più grande d'Italia in termini di portata - rappresenta circa il 22% della capacità di raffinazione complessiva del Paese - ha lavorato a pieno regime, non ha smesso di funzionare né ha ridotto la sua attività, concentrata in tre siti produttivi interconnessi tra di loro mediante un sistema di oleodotti. Ma poiché quasi tutto il petrolio che utilizza viene dalla Russia, il timore di contraccolpi per un eventuale embargo è più che fondato.

Ci sono i circa mille dipendenti dell'impianto, ma anche quelli dell'indotto (circa 2.500 lavoratori), in particolare al porto di Augusta che movimenta ogni anno tonnellate di prodotti Isab. Ma gli esperti segnalano che uno stop dell'impianto di Lukoil avrebbe un impatto forte sull'intera zona industriale di Siracusa, uno dei più importanti e più grandi poli energetici europei, con diecimila posti di lavoro nel complesso.

Chi sostituirà il petrolio russo?

Situazioni come quella dell'Isab sarebbero meno preoccupanti se ci fosse una chiara risposta alla domanda che tiene banco nelle riunioni dei governi Ue: chi ci fornirà petrolio al posto di Mosca, tanto più se si vuole accelerare sui tempi dell'embargo? Nel lungo termine, il problema è di facile soluzione: il mercato del greggio, a dispetto di quello del gas, è molto più flessibile. Andrei Belyi, professore finlandese e fondatore della società di consulenza energetica Balesene OÜ, cita "Opec, Norvegia, Regno Unito, Nord America e Africa", ma anche Azerbaigian e Kazakistan. Più difficile trovare fonitori affidabili nel medio termine: ci sarebbero "Iraq, Libia e Iran, ma ognuno di questi tre ha i propri problemi", dice Belyi a Energy Monitor. Iraq e Libia, come è noto, non sono certo dei Paesi stabili. Mentre l'Iran era visto in Occidente come il male assoluto fino a qualche tempo fa, soprattutto a Washington. Passare da un regime autoritario all'altro non è certo un bello spot. Non a caso, proprio in queste settimane, è tornato in ballo l'accordo sul nucleare con l'Iran, raggiunto nel 2015 da Teheran con Usa, Regno Unito, Cina, Francia, Germania e Ue. L'accordo era stato bloccato nel 2018 da Donald Trump, e adesso Bruxelles e Washington stanno ragionando se sbloccarlo o meno. E con esso le petroliere iraniane.

Inflazione e povertà energetica

Quale che siano le alternative che l'Ue troverà al petrolio russo, un aspetto appare chiaro: l'embargo europeo, più di quello di Usa e Regno Unito, potrebbe comportare un effetto a catena che spingerà in alto i prezzi del greggio in tutto il mondo. Il petrolio russo ha il vantaggio per i Paesi Ue di essere più economico di altri sul mercato mondiale. E a differenza del gas, con il conflitto è diventato ancora più conveniente. Anche Mosca ha tutto l'interesse a mantenere i partner europei, che hanno più risorse e affidabilità della Cina, a dispetto di quanto Vladimir Putin voglia far credere sventolando il rinnovato amore con Pechino. Considerati poi i problemi dei potenziali sostituti per l'Ue (Libia, Iran e Iraq), per gli analisti è sicuro che l'embargo provocherebbe un'impennata dei prezzi del barile su scala mondiale e aggraverà l'inflazione, in Europa come negli stessi Stati Uniti.

Importazioni petrolio greggio Ue-2

È una prospettiva che non piace a Washington, anche per le conseguenze sulla politica interna nel breve termine (il presidente Joe Biden è sotto accusa per l sua gestione dell'economia), e su quella estera (il rischio di venire messi con le spalle al muro sull'accordo con l'Iran). Senza dimenticare l'impatto sociale: "L'embargo petrolifero avrà un impatto sulle case, sui posti di lavoro e sui portafogli dei cittadini dell'Ue", ha detto l'eurodeputata belga dei Verdi Sara Matthieu. "Ciò potrebbe portare a una maggiore disuguaglianza sociale, un aumento della disoccupazione e un aumento della povertà energetica. Dobbiamo proteggere i nostri cittadini: abbiamo bisogno di una forte risposta sociale alle loro paure", aggiunge. Ecco perché c'è chi ha proposto una sorta di Recovery bis sul modello di quanto fatto con la pandemia di Covid-19.

Questa settimana, la Commissione ha presentato la sua proposta RePowerEU, che tra le altre cose mira a superare gli ostacoli sull'embargo al petrolio. Sul piatto degli investimenti, ci sono anche 2 miliardi di euro che dovrebbero aiutare l'Ungheria e gli altri Paesi interessati a emanciparsi dall'oleodotto Druzhba. Ma non è chiaro se questo basterà a convincere Orban. Sul lato dei prezzi, poi, i dubbi sulle armi a disposizione dell'Ue sono diversi: Bruxelles ha calcolato che da qui al 2025 le famiglie europee pagheranno in media bollette più care, circa 309 euro in più all'anno. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le conseguenze per l'Europa (e per l'Italia) dell'addio al petrolio russo

Today è in caricamento