rotate-mobile
Martedì, 4 Ottobre 2022
Il rapporto

Come l'Ue ha difeso 462mila lavoratori europei dalla concorrenza sleale dei Paesi esteri

La Commissione ha pubblicato il report delle attività di difesa commerciale nel 2021. Che hanno riguardato anche l'Italia

Grazie alle sue misure a protezione dei produttori europei dalla concorrenza sleale di Paesi terzi, nel 2021 l'Ue ha "direttamente tutelato 462mila posti di lavoro" nei 27 Stati membri, Italia compresa. È quanto emerge dalla relazione annuale della Commissione sulle attività di difesa commerciale dell'Unione europea. 

Si tratta per lo più di azioni antidumping, ossia volte a impedire che l'import di prodotti dall'estero avvenisse a scapito della produzione europea. "La relazione annuale 2021 indica che la Commissione ha intensificato le attività di monitoraggio per individuare e sanzionare gli operatori economici che si sottraggono ai dazi, in particolare attraverso l'elusione - scrive Bruxelles in una nota". La Commissione "è intervenuta con decisione, adottando misure antielusione o antiassorbimento, nei casi in cui sono state riscontrate tali pratiche nel corso del 2021". Inoltre, Bruxelles si è mossa anche per proteggere le esportazioni delle aziende europee dalla "misure di difesa commerciale ingiustificate o inique imposte loro da Paesi terzi".

Le azioni hanno riguardato "settori produttivi chiave dell'Ue quali l'alluminio, l'acciaio, la ceramica e le tecnologie verdi". Ma anche altri prodotti, come la pasta, nel caso dell'Italia. "È fondamentale difendere i produttori e i lavoratori europei dai danni inflitti da coloro che non rispettano le norme commerciali - dice il vicepresidente della Commissione Ue, Valdis Dombrovskis - Garantire un commercio equo è oggi più importante che mai, a fronte del difficile contesto globale e delle minacce incombenti sulla sicurezza degli approvvigionamenti. Non possiamo consentire che le importazioni oggetto di dumping o di sovvenzioni danneggino l'industria dell'Ue". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Come l'Ue ha difeso 462mila lavoratori europei dalla concorrenza sleale dei Paesi esteri

Today è in caricamento