rotate-mobile
Martedì, 29 Novembre 2022
Sotto la lente

Allerta Ue sul debito italiano: doppio esame per il governo Meloni

La Commissione pubblicherà a dicembre la sua opinione sulla legge di bilancio. Prevista anche un'analisi approfondita sui conti pubblici

L'Italia è nuovamente osservata speciale sui conti pubblici. La Commissione europea ha infatti collocato l'economia tricolore tra quelle dove si sono registrati "squilibri eccessivi" che necessitano "un'analisi approfondita" da parte dei funzionari di Bruxelles. A preoccupare Palazzo Berlaymont è soprattutto il debito pubblico che "rimane elevato" a una percentuale del 150,3% in rapporto al Pil. Il peso della 'palla al piede' dell'economia italiana "dovrebbe rimanere ben al di sopra del livello del 2019", ha fatto notare la Commissione. 

Le debolezze dell'Italia sono emerse dall'ultimo "Rapporto sul meccanismo di allerta", il primo passo dell'esecutivo Ue verso le procedure per gli squilibri macroeconomici. Oltre all'intero debito, ad allarmare Bruxelles è anche il deficit che "rimane elevato, sebbene si sia ridotto al 7,2% nel 2021 e si prevede che continuerà a ridursi". In ogni caso "i rischi per la sostenibilità fiscale sono elevati nel medio termine".

Anche negli anni scorsi la Commissione aveva effettuato un esame sui conti italiani notando la presenza di "squilibri macroeconomici eccessivi". "Quest'anno, la Commissione ritiene opportuno esaminare la persistenza di squilibri eccessivi o la loro correzione in un esame approfondito per l'Italia", si legge nel documento. Bruxelles ha individuato altri nove Paesi sui quali effettuerà analisi approfondite. Si tratta di: Germania, Francia, Grecia, Cipro, Paesi Bassi, Portogallo, Romania, Spagna e Svezia. Ma a differenza di questi ultimi, per l'Italia ci sarà un doppio esame. 

La prima manovra del governo Meloni: "Non abbiamo pensato al consenso, abbiamo fatto scelte utili"

Il governo di Giorgia Meloni, insediatosi da poco a Palazzo Chigi, non ha ancora inviato a Bruxelles la sua legge di bilancio per il 2023, in discussione al Consiglio dei ministri che è terminato ieri notte. Il testo è stato completato ma la Commissione europea avrà bisogno dei tempi tecnici per analizzarlo e valutarlo. "Immagino che sarà inviato tra mercoledì e giovedì. Lo esamineremo nei giorni seguenti per arrivare a dicembre a formulare la nostra opinione sull'Italia", ha garantito il commissario europeo dell'Economia, Paolo Gentiloni.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Allerta Ue sul debito italiano: doppio esame per il governo Meloni

Today è in caricamento