L`Europeo... a Londra

L`Europeo... a Londra

Mezzo milione di posti di lavoro persi, il conto della Brexit

Secondo uno studio, a tanto ammonterebbe finora il danno provocato all'economia britannica dall'esito del referendum del giugno 2016. I settori più colpiti quelli delle auto e del food. Glasgow la città con la maggiore contrazione di occupati

Un referendum, due accordi naufragati, tre primi ministri sulla graticola. Tanto è costata la Brexit alla politica britannica. Un prezzo piuttosto caro, ma non caro quanto quello pagato dall'economia britannica con oltre 420 mila posti di lavoro persi dal 23 giugno 2016. A dominare su tutto, l'incertezza per una transizione che ancora oggi si presenta come giano bifronte: o nuovo rinvio o Brexit a tutti i costi. 

A risentire di questa contrazione, secondo i dati elaborati dall'indice Small Business Price, sono tutte le regioni inglesi, con una sorpresa amara, per Londra. La Capitale, Greater London, che aveva votato a forte maggioranza per rimanere nella Ue, è infatti la seconda tra le città britanniche ad essere colpita da Brexit. Peggio di Londra (20 mila 930 posti di lavoro persi) solo Glasgow (66.6% pro Ue) che vede sfumare 24 mila unità.   

Non c'è settore che non ne stia risentendo. Tra i top tre, ovvero tra chi sta facendo peggio, ci sono auto, trasporti e alimentari. Per l'automotive la crisi si fa sentire con 53 mila e 618 posti lavoratori a casa. 

A confermare la crisi nera è la Society of Motor Manufacturers & Traders (SMMT) secondo il cui osservatorio gli investimenti nel settore auto si sono completamente stoppati. Il caso Ford è il più emblematico. A subire il colpo più duro è stata la comunità di Bridgend, la cui fabbrica di motori, dopo quaranta di attività ha visto compromessa la sua tenuta. A partire dal settembre 2020, infatti, la struttura situata in Galles, in un'area al 54.6% pro-Brexit, chiuderà i battenti mandando a casa i mille e settecento operai. 

Ma c'è anche Honda, tra i big, a soffrire per Brexit. La multinazionale giapponese, secondo i dati di Brexit Job Losses, perde 1150 lavoratori. Un numero che salirà a quota 3 mila e 500 se si considera la chiusura dell`altra grande realtà industriale, Swindon (nel Wiltshire 52.5% a favore della Brexit), che a partire dal 2020 interromperà la produzione. 

Ma non c`è pace neanche per BMW pronta a trasferire la produzione della Mini fuori dalla Gran Bretagna nel caso di uscita dalla Ue senza accordo. Un trasferimento che costerà ben 8 mila e seicento posti di lavoro tra le professionalità allocate tra le 4 fabbriche inglesi. 

In effetti una prospettiva di walkout, uscita senza accordo, spaventa il settore tutto. SMMT ha lanciato segnali inequivocabili: “Una Brexit senza accordo avrà un immediato e devastante impatto sull`industria, indebolendo la competitività e causando irreversibili e pesanti danni” ha affermato il capo della Society of Motor Manufacturers & Traders. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Timori che non sono dissipati neanche dal Benn Act, che impegna il governo a chiudere una dilazione della Brexit in caso di mancato accordo. Infatti al netto di un nuovo spostamento della deadline cosa succederà? Solo nuova incertezza e caos. Ossigeno che alimenta instabilità e fa saltare investimenti, con buona pace delle comunità locali che perdono preziosi posti di lavoro.   

L`Europeo... a Londra

Un osservatorio sulle vite degli italiani a Londra. Che impatto sta avendo la Brexit sulle persone? Come reagisce la comunità italiana all`incertezza di un clima che cambia rapidamente? Lo scopriremo raccontando le storie di chi ha scelto Londra e di chi la ama. Tra croce e delizia, amore e odio

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
EuropaToday è in caricamento