Zuckerberg ha accettato l'invito: il 22 maggio audizione al Parlamento europeo

Il fondatore e CEO di Facebook incontrerà i leader dell'Eurocamera in merito allo scandalo di Cambridge Analytica. Tajani: "I nostri cittadini meritano una completa e dettagliata spiegazione"

Il fondatore e CEO di Facebook, Mark Zuckerberg "ha accettato l'invito" del Parlamento europeo e "sarà a Bruxelles il 22 maggio". Lo ha annunciato il presidente dell'Eurocamera, Antonio Tajani, che nelle settimane scorsa aveva scritto a Zuckerberg per invitarlo "a chiarire le questioni legate all’uso dei dati personali" davanti agli eurodeputati dopo lo scandalo di Cambridge Analytica

Zuckerberg incontrerà i presidenti dei gruppi politici e il presidente della Commissione per le Libertà civili, giustizia e affari interni del Parlamento. "I nostri cittadini meritano una completa e dettagliata spiegazione - dice Tajani - Apprezzo che Mark Zuckerberg abbia deciso di presentarsi di persona davanti ai rappresentanti di 500 milioni di europei. È un passo nella giusta direzione per ristabilire la fiducia".

La priorità del Parlamento, prosegue Tajani, "è garantire il corretto funzionamento del mercato digitale, con un’elevata protezione dei dati personali, regole efficaci sui diritti d’autore e la tutela dei diritti dei consumatori. I giganti del web devono essere responsabili per i contenuti che pubblicano, incluse le notizie palesemente false e i contenuti illeciti. La libertà deve sempre essere accompagnata dalla responsabilità”, conclude il presidente del Parlamento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Dal 1 gennaio basterà un ritardo di pagamento di 100 euro per finire nella blacklist delle banche”

  • George Clooney attacca Orban: “In Ungheria solo rabbia e odio”. La replica: “Consigliato da Soros”

  • Partecipa a orgia con 24 uomini, deputato del partito di Orban fermato dalla polizia a Bruxelles

  • "Alexa è antisemita", Amazon apre un'inchiesta sull'assistente virtuale

  • Pistola e lingotti d'oro nel comodino del premier bulgaro. Che si difende: “Colpa di una bella donna”

  • "Tornerò in Russia per portarla verso l’Ue". Navalny lancia la sfida a Putin

Torna su
EuropaToday è in caricamento