Sabato, 24 Luglio 2021
Attualità

Origine del Covid, ora anche l'Ue chiede nuova indagine. Ecco cosa sappiamo

Bruxelles si schiera al fianco degli Stati Uniti: "Il mondo deve conoscere la verità". Il G7 chiederà una seconda inchiesta all'Oms. Pechino: "Dovrebbero pensare a cose più pratiche". Intanto Nature mette a confronto le differenti teorie su come sia nata la pandemia

L'Ue ha annunciato che sosterrà la richiesta degli Stati Uniti di una nuova indagine dell'Oraganizzazione mondiale della sanità sull'origine del Covid-19. Lo ha confermato la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, dopo che nelle ultime ore diversi media avevano riportato un documento congiunto del G7. "È della massima importanza sapere qual è l'origine del coronavirus", ha detto von der Leyen. Sulla stessa linea il presidente del Consiglio europeo Charles Michel: "Siamo molto chiari, serve piena trasparenza, per imparare la lezione".

L'Ue al fianco degli Usa

L'Ue, dunque, si allinea alla crociata del presidente americano, Joe Biden, che in qualche modo fa eco a chi sostiene la tesi che il Covid-19 sia stato creato nel laboratorio cinese di Wuhan. La maggior parte degli scienziati, tuttavia, crede alla teoria del salto di specie naturale da animale a uomo. Un'inchiesta in Cina condotta nei mesi scorsi dagli esperti dell'Oms ha concluso che è "estremamente improbabile" che la pandemia abbia avuto origine in laboratorio. Ma i ritardi degli ispettori dell'Oms e alcune ritrosie della Cina hanno alimentato il sospetto che l'inchiesta non sia stata abbastanza approfondita.

Pechino, chiaramente, non ha reagito bene alla mossa del G7. "La prassi di formare cricche, impegnarsi in politiche di gruppo e piccoli circoli è impopolare e non porterà a nulla", ha scandito il portavoce del ministero degli Esteri, Wang Wenbin. "Auspichiamo che i Paesi interessati possano abbandonare i pregiudizi ideologici e vedere la Cina in modo obiettivo e razionale", ha proseguito il portavoce, chiedendo ai Paesi del G7 - di cui Pechino non fa parte, mentre è membro del G20 - di adoperarsi in "cose più pratiche" per promuovere la lotta internazionale contro la pandemia, la ripresa economica globale e aiutare i Paesi in via di sviluppo. Un chiaro riferimento alla questione dei brevetti e del blocco dell'export di vaccini e componenti per farmaci che di fatto hanno finora favorito la vaccinazione nei Paesi più ricchi, lasciando le briciole a quelli a basso reddito.

Cosa sappiamo sull'origine del virus

E' possibile che SARS-CoV-2 sia emerso da un laboratorio? La cosa sembra improbabile ma a questo interrogativo, ancora privo di una vera e propria risposta definitiva, la rivista Nature ha dedicato un approfondimento, valutando e ripercorrendo le teorie e le ipotesi attualmente più accreditate sulle origini del virus che da oltre un anno e mezzo influenza la vita di miliardi di persone. Il 26 maggio scorso, il presidente degli Stati Uniti Biden ha incaricato l'intelligence americana di unire le forze per rintracciare la genesi dell'agente patogeno. Allo stesso modo Australia, Unione Europea e Giappone hanno avviato un'indagine approfondita sulle origini di SARS-CoV-2.

La stessa Organizzazione mondiale della sanità ha richiesto informazioni aggiuntive per rispondere agli interrogativi legati alla pandemia e valutare la possibilita' che la minaccia che ha provocato il decesso di milioni di persone sia frutto di diretti interventi antropici. Ma finora la maggior parte degli scienziati concorda sul fatto che non esistano prove sufficienti per stabilire un'origine artificiale del virus e che lo scenario più probabile preveda un'evoluzione naturale, con lo spillover da un pipistrello o un altro animale intermedio non ancora identificato.

Gli esperti che supportano la teoria della fuga dal laboratorio presentano diverse argomentazioni, che, come riporta Nature, si basano su una serie di congetture. Alcuni ritengono sospetta la difficoltà di rintracciare l'animale direttamente responsabile dello spillover, altri credono che l'identificazione dei primi focolai a Wuhan, proprio dove si trova un laboratorio specializzato nella ricerca di coronavirus, il Wuhan Institute of Virology (WIV), rappresenti una coincidenza ambigua. Una parte di queste teorie si basa poi sulle caratteristiche intrinseche di SARS-CoV-2, la cui trasmissibilità risulterebbe tanto elevata da suggerire un intento premeditato. Infettivologi e biologi evoluzionisti rispondono però che l'identificazione delle origini di epidemie rappresenta un campo molto complesso e spesso privo di soluzioni comprovate. Per stabilire gli albori della SARS, ad esempio, sono stati impiegati 14 anni e il virus Ebola presenta ancora molti misteri per gli epidemiologi e i virologi.

Alcuni studi sembrano invece aver identificato un parente molto stretto di SARS-CoV-2 nelle popolazioni di pipistrelli che abitano la regione meridionale della Cina. I ricercatori che hanno esaminato le caratteristiche del virus suggeriscono che l'eventualità di una manipolazione di SARS-CoV-2 risulta improbabile, perché non sono state riscontrate firme di ingegnerizzazione o bioingegneria. Durante le indagini sulle origini della pandemia guidate dall'Oms gli scienziati del Wuhan Institute of Virology hanno riferito che i loro studi si concentravano solo su tre coronavirus, nessuno dei quali riconducibile direttamente a SARS-CoV-2.

La scorsa settimana, Anthony Fauci, capo consulente medico di Biden, ha chiesto ai funzionari cinesi di rilasciare i registri ospedalieri dei membri dello staff del WIV, ma la Cina non ha acconsentito a condividere tali informazioni. Zhao Lijian, portavoce del Ministero degli Affari Esteri della Repubblica Popolare Cinese, ha affermato che alcune persone negli Stati Uniti "non hanno alcun interesse verso uno studio scientifico serio". Nel frattempo, gli scienziati si preparano per un lungo percorso costellato di domande. "Vogliamo una risposta - sostiene Jason Kindrachuk, virologo dell'Università di Manitoba a Winnipeg, in Canada - anche se sappiamo che dovremo continuare a raccogliere frammenti di informazione per i prossimi mesi".  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Origine del Covid, ora anche l'Ue chiede nuova indagine. Ecco cosa sappiamo

Today è in caricamento