rotate-mobile
Mercoledì, 29 Giugno 2022
Il caso

Niente più "signora" davanti ai nomi delle tenniste: Wimbledon cambia l'albo d'oro

Via anche il cognome da sposata delle atlete divorziate. Gli organizzatori del prestigioso torneo vogliono adeguarsi ai tempi

Niente più "signora" e "signorina" davanti ai nomi delle tenniste. Ma anche via i cognomi ereditati da sposate, e mantenuti nonostante il divorzio. Con queste misure, l'All England Lawn Tennis Club, il circolo che organizza il prestigioso torneo di Wimbledon, ha deciso di cambiare l'albo d'onore dei campionati. E rispondere così alle accuse mosse al club, che nel nome della difesa della tradizione, avrebbe ritardato di adeguarsi ai tempi in quanto a pairtà di genere.

Si tratta di una vecchia accusa, a cui gli organizzatori di Wimbledon avevano già risposto in passato: nel 2018, aveva vietato agli arbitri di usare i titoli di "signora" e "signorina" quando si rivolgono alle giocatrici, dato che per rivolgersi agli uomini i giudici di gara si sono sempre limitati al solo cognome. L'anno scorso, poi, la mossa più costosa: il club ha adeguato i premi delle tenniste, equiparandoli a quelli dei loro colleghi del torneo maschile.

Adesso, è arrivata la svolta anche dell'albo d'oro, famoso per essere lo sfondo della classica foto dei vincitori del torneo. Dall'inizio del torneo nel 1877, i nomi femminili e maschili nell'albo sono stati presentati in modo diverso: i campioni maschili sono registrati solo con l'iniziale del nome e il cognome per esteso. Per le donne, invece, i nomi sono preceduti dai titoli inglesi "Miss" e "Mrs" (signorina e signora). La direzione del club ha dunque annunciato che questi prefissi saranno eliminati.

Altra novità riguarda i cognomi delle atlete sposate: tenniste come Chris Evert e Billie Jean Moffitt risultano ancora iscritte nell'albo con i cognomi dei mariti (rispettivamente Lloyd e King), nonostante siano entrambe divorziate. Anche per loro, l'albo d'oro sarà corretto riportando il cognome di nascita.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Niente più "signora" davanti ai nomi delle tenniste: Wimbledon cambia l'albo d'oro

Today è in caricamento