Sabato, 24 Luglio 2021
Attualità

Weah: “Oggi corro per la presidenza della Liberia. Berlusconi? Non lo sento da tempo”

L’ex milanista, primo e unico africano a vincere il Pallone d’Oro, a Bruxelles per una serie di incontri in vista delle elezioni del 10 ottobre

La campagna elettorale in Liberia - EPA/AHMED JALLANZO

La politica l’ha cominciata a praticare subito dopo aver appeso le scarpette al chiodo. E adesso, dopo quasi 10 anni di gavetta e qualche delusione, sembra avere le carte in regole per diventare il prossimo presidente della Liberia. Lui è George Weah, stella del Milan negli anni Novanta e primo (a al momento unico) calciatore africano ad aver vinto il Pallone d’Oro

La carriera politica e la rincorsa alla presidenza 

Le elezioni si terranno il prossimo 10 ottobre e, secondo i sondaggi, Weah, che è leader del principale partito di opposizione, potrebbe riuscire a essere il successore dell’attuale capo di Stato, la premio Nobel Ellen Johnson Sirleaf. Non è la prima volta che l’ex attaccante rossonero prova a conquistare la massima carica del suo Paese: lo fece nel 2005, da quasi debuttante nell’agone politico e due anni dopo la fine della sanguinosa guerra civile che sconvolse la Liberia. Fu sconfitto proprio dalla Sirleaf. Sei anni dopo, nel 2011, provo’ a farsi eleggere vicepresidente, ma non ottenne abbastanza voti. “Ma oggi sento che è la volta buona”, dice seduto su una panchina nel corridoio centrale del Parlamento europeo di Bruxelles, dove lo abbiamo incontrato.

La "missione" a Bruxelles e Parigi

Tra i selfie con fan di lungo corso e scambi di battute con qualche deputato, Weah spiega le ragioni della sua candidatura e della sua presenza a Bruxelles: “L’Africa ha bisogno di leader onesti e per questo mi candido. Ma ha bisogno anche del sostegno della comunità internazionale, a partire dall’Europa. Del resto, con l’Europa abbiamo tante sfide comuni, come la lotta al terrorismo, lo sviluppo sostenibile e il commercio”. Ecco perché, a poche settimane dal voto, ha deciso di interrompere la campagna elettorale e fare un salto nel cuore del Vecchio Continente: prima un un incontro a Parigi con il responsabile dell'Africa del governo francese, Franck Paris, e poi a Bruxelles per una serie di colloqui, pare, stando all’Afp, anche con esponenti della Commissione europea.  Lui sui dettagli preferisce sorvolare: “Qui ho tanti amici che possono aiutare la Liberia e per questo sono venuto a incontrarli”.

I rapporti con Berlusconi

E l’Italia? “Il Milan e il vostro Paese saranno sempre nel mio cuore, è in Italia che sono diventato un grande campione conosciuto a livello internazionale”. Inevitabile, la domanda sul suo vecchio presidente, Silvio Berlusconi. Domanda che pero’ liquida con un secco “non lo sento da tempo, ma se mi vuole sentire puo’ chiamarmi”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Weah: “Oggi corro per la presidenza della Liberia. Berlusconi? Non lo sento da tempo”

Today è in caricamento