rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
Viaggi

Le vacanze di Natale cominciano male: cancellati 4.500 voli in tutto il mondo

Omicron e carenza di personale le cause secondo le compagnie: migliaia di persone e famiglie rimaste a casa o bloccate in aeroporto. E Lufthansa riduce del 10% le tratte invernali

Oltre 4.500 voli nazionali e internazionali sono stati cancellati tra ieri e oggi in tutto il mondo, anche in Europa, bloccando migliaia di persone e famiglie che avevano pianificato viaggi all'estero o che volevano trascorrere le vacanze con i propri cari. Un caos che le compagnie aeree additano all'incertezza derivante dalla rapida diffusione della variante Omicron, che avrebbe impedito ai vettori di assumere personale per i loro voli.

Secondo il sito web FlightAware, che monitora i voli in tutto il globo, oltre 2.300 cancellazioni sono state registrate alla vigilia di Natale. Circa un quarto di questi erano negli Stati Uniti. Altri 2mila e passa voli sono stati cancellati il giorno di Natale, e il bollettino di Santo Stefano prevede già altre 700 cancellazioni. La maggior parte dei disagi sono attribuibili a cinque compagnie, scrive il Guardian: China Eastern, che ha cancellato quasi mille viaggi, seguita da Air China, United, Air India  e Delta.

“Il picco nazionale di casi di Omicron questa settimana ha avuto un impatto diretto sui nostri equipaggi di volo e sulle persone che gestiscono la nostra operatività - dice United -  Di conseguenza, abbiamo dovuto cancellare alcuni voli e stiamo avvisando i clienti interessati in anticipo del loro arrivo in aeroporto".

Nel frattempo, Delta ha affermato di aver "esaurito tutte le opzioni e le risorse, inclusi il reindirizzamento e le sostituzioni di aeromobili ed equipaggi per coprire i voli di linea, prima di cancellare circa 90 voli per venerdì". La compagnia aerea ha accusato l'impatto della variante Omicron e le condizioni meteorologiche per le cancellazioni. In risposta al caos pre-festivo, le compagnie aeree hanno chiesto l'allentamento delle regole di quarantena per il personale vaccinato.

Il caos di Natale potrebbe essere l'inizio di un inverno complicato per il settore viaggia. La tedesca Lufthansa ha annunciato che prevede di cancellare 33mila voli previsti quest'inverno in seguito alle restrizioni di viaggio introdotte per contenere la diffusione del coronavirus, circa il 10 per cento del piano di volo della compagnia. E ne avrebbe cancellati molti di più, ha detto il ceo Carsten Spohr, se non fosse necessario rispettare le normative introdotte dall'Unione europea sull'utilizzo dei cieli. "Dobbiamo effettuare 18mila voli non necessari in inverno solo per garantire i nostri diritti di decollo e atterraggio", ha affermato Spohr notando che la compagnia aerea è stata pesantemente colpita dall'assenza di passeggeri provenienti da Germania, Austria, Svizzera e Belgio, Paesi particolarmente colpiti dalla pandemia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le vacanze di Natale cominciano male: cancellati 4.500 voli in tutto il mondo

Today è in caricamento