rotate-mobile
Sabato, 25 Giugno 2022
La polemica / Belgio

Il messaggio di Ryanair ai passeggeri contro i sindacati: voli annullati per “scioperi inutili”

La serrata in Belgio ha provocato oltre cento annullamenti in tutta Europa. Ma sui social diversi clienti della compagnia irlandese difendono i lavoratori

Oltre 150 voli annullati  finora in tutta Europa, e più di 21mila passeggeri rimasti a terra. È questo il bilancio provvisorio dello sciopero indetto tra il 24 e il 26 giugno dal personale di cabina di Ryanair in Belgio. Uno sciopero che si aggiunge alle agitazioni dei colleghi in altri Paesi Ue, dalla Spagna all'Italia, passando da Francia e Portogallo. Ma per la compagnia irlandese, la mobilitazione è "inutile". Così si legge nel messaggio inviato ai passeggeri per comunicare la soppressione del volo. Una comunicazione che diversi clienti hanno duramente stigmatizzat sui social, difendendo i lavoratori e invitando al boicottaggio di Ryanair.

Nella mail si legge la responsabilità dei disagi è degli “scioperi inutili condotti dai sindacati belgi”. Così riporta per esempio Maurizio Molinari, capo dell'ufficio di Milano del Parlamento europeo in Italia, che in lungo post su Facebook ha raccontato anche le vicissitudini per ottenere assistenza da parte della compagnia: impossibile ottenere un rimborso, spiega nel post, perché, nonostante abbia acquistato il volo sull’app di Ryanair, il viaggio risulta essere stato acquistato presso un’agenzia terza. Per ovviare al problema, il sito richiede che venga compilato un form online per “verificare” l’acquisto del biglietto. Peccato che, la verifica online non è accessibile alle persone non vedenti come Molinari. Una volta contattata l’assistenza l’unica risposta ottenuta è stata “provi con Chrome”.

In Belgio, potrebbero essere annullati fino a 180 voli di Ryanar lungo il fine settimana. I lavoratori del gigante irlandese denunciano le presunte pratiche sleali dei manager dell'azienda nei loro confronti, compresi una serie di "errori" ricorrenti nel calcolo dei loro salari. Tra le altre cose, chiedono il rispetto del diritto del lavoro belga e la garanzia di un salario minimo per tutti. I sindacati denunciano inoltre l'assenza di un dipartimento per le risorse umane con sede in Belgio e la scarsa conoscenza della legislazione sociale belga. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il messaggio di Ryanair ai passeggeri contro i sindacati: voli annullati per “scioperi inutili”

Today è in caricamento