Vittime del rumore, Italia sotto la media Ue. I tedeschi i più “disturbati”

Nel nostro paese, il 16,2% dei cittadini lamenta rumori molesti nel luogo in cui abita. Nella “calme” Germania e Olanda uno ogni quattro 

DAL ZENNARO/ANSA/DEF

Il 17,9% degli europei soffre di disturbi sonori dovuti al rumore proveniente dalla strada o prodotto dai vicini. Un fenomeno che, come era facile immaginare, riguarda soprattutto chi vive in città. E' quanto emerge dai dati raccolti dall'Eurostat e relativi al 2016. Quello che colpisce è che a patire di più questo problema siano paesi come Germania e Olanda, mentre l'Italia si piazza al di sotto della media Ue. 
Nel nostro paese, infatti, è il 16,2% a lamentare rumori molesti, contro il 18,3% del 2015.

Allargando lo sguardo al resto dell'Europa, il paese più “rumoroso” è Malta, con il 26,2% che segnala di essere vittima di disturbi sonori. Al secondo posto, per percentuale di lamentele, si piazza la Germania (25,1%) , seguita da Olanda (24,9%), Portogallo (23,1%), Romania (20,3%), Grecia (19,9%) e Lussemburgo (19,7%).  

In fondo alla classifica, troviamo l'Irlanda, dove solo il 7,9% della popolazione soffre di disturbi sonori. In generale, a livello Ue ad essere più sensibili al rumore sono i 'single', con il 20,8% di persone che si sono lamentate dei vicini o della strada, poi le coppie, con il 17,8%, e infine le famiglie più numerose con il 16,6%. In particolare, il 18,4% delle famiglie senza figli è infastidita dal rumore, mentre la percentuale scende al 17,5% per quelle con figli.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Commozione e rabbia per il suicidio di Alysson in Belgio: "È il simbolo dei dimenticati della crisi"

  • L'Olanda legalizzerà la 'liquefazione' in alternativa alla cremazione o alla sepoltura dei morti

  • Bimba di 2 anni uccisa dalla polizia, mobilitazione internazionale per chiedere giustizia

  • In Romania una persona su quattro non ha i servizi igienici in casa, in Italia in 360mila

  • “La Germania confina con l’Italia”, la gaffe della presidente della Commissione von der Leyen

  • Perché Polonia e Ungheria bloccano il Recovery fund (e i fondi per l'Italia). E cosa c'entrano i migranti

Torna su
EuropaToday è in caricamento