Viaggi tra zone a basso contagio e check sanitari: le 2 ipotesi Ue per far ripartire il turismo

Attesa per il piano della Commissione sulle riaperture ai confini tra Stati membri e sulla ripresa del traffico aereo

La Commissione europea domani presenterà un piano per consentire al turismo Ue di sopravvivere a quella che si preannuncia come l’estate peggiore di sempre per l’intero settore. Dai trasporti al comparto alberghiero, passando per la ristorazione e i servizi ricreativi, tutti i settori chiave della filiera turistica sembrano destinati a perdere “fino a 400 miliardi di euro”, secondo quanto si legge nelle prime bozze in circolazione del pacchetto che l’esecutivo comunitario renderà noto solo nelle prossime ore. Stando alle prime anticipazioni, si tratta di un piano prudente, che si muove verso un “processo graduale” di riapertura al passaggio dei confini tra Paesi confinanti e considerati ormai al sicuro dal rischio contagio. Un tasto dolente per gli Stati europei più dipendenti dall’economia vacanziera. 

I corridoi

Aveva fatto discutere l’idea di alcuni Paesi Ue di creare una sorta di corridoio che consentisse ai cittadini tedeschi di raggiungere le spiagge croate, passando per Austria, Ungheria e Slovenia. Secondo quanto si apprende dalle prime bozze, l’esecutivo Ue sarebbe pronto a non escludere questa ipotesi, ma rimettendo al centro il principio di non discriminazione sulla base della cittadinanza. Al netto delle precisazioni, quella dei corridoi turistici rimane una prospettiva da incubo per Italia e Grecia, che subirebbero forti danni dalla concorrenza delle mete più vicine ai vacanzieri europei. 

Zone fuori pericolo

Altra possibilità che consentirebbe l’apertura della stagione turistica nonostante il coronavirus è quella di rendere necessario il superamento di un test o risiedere in una zona a basso rischio di coronavirus per poter viaggiare. Le tratte tra zone a basso contagio e i check sanitari permetterebbero alle regioni turistiche di bypassare le chiusure ai confini grazie al traffico aereo, consentendo - ad esempio - ai turisti del Nord Europa di raggiungere le spiagge del Sud Italia

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli obiettivi

Si apprende che la Commissione intende dividere le fasi di deconfinamento al traffico internazionali per “gestire correttamente, in sicurezza e in modo coordinato, i mesi a venire” che “potrebbero offrire agli europei la possibilità di riposarsi, rilassarsi e respirare l'aria necessaria e ritrovarsi con amici e familiari”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Ue "promuove" la Calabria sul Covid: unica regione verde in Italia e tra le poche in Europa

  • Il décolleté della premier divide la Finlandia: "Fa la modella invece di pensare al Covid"

  • Altro che Mes, l'Italia pronta a rinunciare anche ai prestiti del Recovery fund

  • Conte va via e lascia Merkel a rappresentare l'Italia al vertice Ue. La Lega attacca (ma è la prassi)

  • È vero che l'Ue vuole tassare la prima casa? Sì, ma solo se sei ricco

  • Il villaggio di Babbo Natale è in crisi per colpa del Covid

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento