In Francia vertice 'europeo' sulla Cina senza l'Italia. Ma Conte lo sminuisce

Mentre Roma procede in solitaria Macron, Merkel e Juncker discuteranno insieme con Xi Jinping il futuro delle relazioni dell’Unione con Pechino

Xi Junping - Ansa, Tiziana Fabi

La Cina e il suo presidente, Xi Jinping, dividono l’Europa e i loro leader. In particolare allontana sempre di più l’Italia dall’orbita comunitaria, e mette a nudo le divergenze del 'motore' franco-tedesco d’Europa. Mentre la cancelliera tedesca, Angela Merkel, non ha nulla di ridire all’iniziativa bilaterale Roma-Pechino sulla nuova Via della Seta (il programma di politiche economico-commerciali della repubblica popolare cinese), dall’altra il presidente francese Emmanuel Macron non vede di buon occhio l’attivismo italiano.

Tutto avviene al termine del vertice del Consiglio europeo. Merkel e Macron tengono le conferenza stampa di rito, in due stanze separate, ma contigue. “Il premier Conte ci ha aggiornato sul contenuto del protocollo d'intesa sulla Via della Seta, e per quanto ci ha spiegato non ho trovato critiche da fare”, dice ‘frau’ Merkel. A pochi passi di distanza, ‘monsieur’ Macron tiene invece a precisare che “il formato 16+1 non è un buon metodo di discutere con la Cina, e non lo è nemmeno la via bilaterale”. Ogni riferimento all’Italia è volutamente intenzionale.

Ecco dunque che l’incontro organizzato da Macron a Parigi con i Merkel, Xi Junping, e il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, intende superare tutte le logiche di negoziazione con Pechino utilizzate finora. “Da diversi anni procediamo in ordine sparso e la Cina sfrutta le nostre divisioni”, lamenta l’inquilino dell’Eliseo, che puntualizza: la Cina “è tra i rivali sistemici” dell’Unione europea, e per l’Ue, “il tempo dell’ingenuità è finito”.

Quella francese è più che l’ennesima iniziativa franco-tedesca. Diventa una mossa politica di contrasto alle politiche cinesi volutamente europea, e la presenza di Juncker è lì a testimoniarlo. Il 9 aprile a Bruxelles si terrà il vertice bilaterale Ue-Cina, ma a livello di ministri degli Esteri, non di leader. I leader ‘che contano’ si ritrovano dunque a Bruxelles per preparare l’agenda. L’Italia è fuori dal processo decisionale comune, perché non gradita o perché preferisce un altro tipo di strategia politica, molto più solitaria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“L’invito di Merkel da parte di Macron è un atto di cortesia”, sostiene il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, prima di lasciare Bruxelles per rientrare a Roma. “Se non l’avesse invitata, Merkel non avrebbe avuto il tempo di incontrare Xi Jinping”. Prova a sminuire l’iniziativa, la cui valenza politica è tutt’altro che irrilevante.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, in Europa la mascherina obbligatoria torna di moda. E la Germania lancia l'allarme

  • L'Olanda dice no all'obbligo della mascherina: "Inducono un falso senso di sicurezza"

  • Covid, Bruxelles verso il coprifuoco. E i giostrai protestano

  • "Telelavoro fino al 2021", la Svezia punta sullo smart working

  • "Giustizia per Chico Forti", FdI chiede all'Ue di attivarsi per l'italiano detenuto negli Usa da 20 anni

  • Coronavirus, in Belgio 'bolla' di 5 persone e coprifuoco notturno: "Vogliamo evitare il lockdown totale"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento