Rimbaud e Verlaine dividono la Francia: "Esclusi perché gay, siano sepolti al Pantheon"

Un appello firmato da alcuni intellettuali chiede che le tombe dei due 'poeti maledetti' e per lungo tempo amanti siano portate nel cimitero di Parigi dove riposano i grandi della letteratura francese (e non solo). Ma la proposta non piace ad alcuni scrittori, tra cui l'italiano Erri de Luca: "Odiavano quel posto"

A sinistra Paul Verlaine, a destra Arthur Rimbaud

E' guerra di appelli contrapposti in Francia al presidente Emmanuel Macron sulle spoglie mortali di Arthur Rimbaud (1854-91) e di Paul Verlaine (1844-96). Con un documento pubblicato sul quotidiano "Le Monde" un gruppo di intellettuali si oppone all'ingresso dei due "poeti maledetti", amici ed amanti, nel Pantheon di Parigi, dove riposano 'i grandi di Francia'. Secondo i firmatari - tra cui Denis Podalydès, Muriel Barbery, Frédéric Boyer, Anouk Grinberg e Erri de Luca - Macron deve "rifiutare il loro ingresso forzato", opponendosi a "un errore", frutto della "strumentalizzazione dei due poeti".

La pubblicazione di questo appello segue quello di tutt'altro tenore lanciato lo scorso 9 settembre al presidente della Repubblica francese a favore della pantheonizzazione di Rimbaud e Verlain, perché i due poeti "sono anche simboli della diversità, e hanno dovuto sopportare l'omofobia tipica della loro epoca". Secondo questa petizione, "sarebbe un atto di giustizia farli entrare oggi al Panthéon, accanto ad altri grandi figure letterarie come Voltaire, Rousseau, Dumas, Hugo, Malraux".

L'appello che reclama l'ingresso nel Panthéon è stato firmato da un centinaio di personalità francesi, tra cui nove ex ministri della Cultura e dell'Educazione (tra cui Jack Lang, Jean-Jacques Aillagon, Frédéric Mitterrand e Françoise Nyssen) e da scrittori, intellettuali e professori universitari come Annie Ernaux, Michel Onfray e Edgar Morin. L'idea di portare Rimbaud e Verlaine, protagonisti di uno scandaloso amore gay, nel monumento delle 'glorie nazionali francesi' è venuta all'editore Jean-Luc Barré, al giornalista e saggista Frédéric Martel e allo scrittore Nicolas Idier.

Secondo i firmatari del contro-appello, invece, le "clamorose provocazioni dell'adolescente ribelle" Arthur Rimbaud sono incompatibili con un'istituzione come il Pantheon. Quanto a Paul Verlaine, "chiese ai suoi amici communards di puntare le armi contro il Pantheon".

Rimbaud è sepolto nella sua città natale di Charleville-Mézières (Ardenne), che odiava, e nella tomba di famiglia, accanto, ricorda la petizione per trasferirlo al Panthéon, al "suo nemico e usurpatore, Paterne Berrichon", un poeta minore sposato a sua sorella e che danneggiò l'immagine di Arthur dopo la sua morte. Verlaine riposa nel cimitero di Batignolles a Parigi, anche lui nella tomba di famiglia, "vicino alla tangenziale sotto orribili fiori di plastica". "È così che la Francia onora i suoi più grandi poeti?", si chiedono i firmatari dell'appello che reclama l'ingresso al Pantheon. 


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Commozione e rabbia per il suicidio di Alysson in Belgio: "È il simbolo dei dimenticati della crisi"

  • L'Olanda legalizzerà la 'liquefazione' in alternativa alla cremazione o alla sepoltura dei morti

  • Bimba di 2 anni uccisa dalla polizia, mobilitazione internazionale per chiedere giustizia

  • In Romania una persona su quattro non ha i servizi igienici in casa, in Italia in 360mila

  • “La Germania confina con l’Italia”, la gaffe della presidente della Commissione von der Leyen

  • Perché Polonia e Ungheria bloccano il Recovery fund (e i fondi per l'Italia). E cosa c'entrano i migranti

Torna su
EuropaToday è in caricamento