Poster della Vergine Maria con l'aureola arcobaleno, attiviste Lgbt+ arrestate in Polonia

Le donne rischiano due anni di prigione per aver affisso l'immagine di protesta. Secondo il governo di Varsavia "nessuno ha il diritto di offendere i sentimenti dei credenti"

Foto: profilo Twitter @EUwatchers

Le associazioni in difesa dei diritti umani chiedono alla Polonia di ritirare le accuse contro tre donne che rischiano fino a 2 anni di carcere dopo aver affisso manifesti raffiguranti la Vergine Maria con l'aureola arcobaleno, i colori del movimento LGBT+. Le tre attiviste, Elzbieta, Anna e Joanna, dovranno affrontare un processo per “aver offeso le credenze religiose” e potrebbero finire in carcere per 24 mesi per l’azione dimostrativa nel contesto delle proteste contro il giro di vite sul diritto delle donne di interrompere la gravidanza. 

Le proteste 

Le manifestazioni di giovani e attivisti polacchi sono iniziate settimane fa dopo la decisione della Corte costituzionale di Varsavia che ha reso illegale l'aborto in caso di malformazione e malattia irreversibile del feto. Nei fine settimana successivi alla sentenza, gruppi di femministe furiose per l'inasprimento della già restrittiva legge polacca sull'interruzione della gravidanza hanno organizzato sit-in all’interno o di fronte alle chiese durante le funzioni religiose della domenica. Pochi giorni fa il Governo ultra-conservatore di Varsavia ha mandato segnali di distensione per placare le proteste, ma la repressione nelle piazze non si è mai fermata.

La repressione

La 51enne Elzbieta ha denunciato più volte alla stampa la repressione delle autorità. La polizia mesi fa ha fatto irruzione a casa sua alla ricerca dell'immagine ritenuta offensiva che raffigura un dipinto della Vergine Maria con l’aureola arcobaleno. Le autorità hanno sequestrato le foto, le hanno confiscato il computer, il cellulare e le schede di memoria contenenti dati personali. Il ministro dell'Interno polacco Joachim Brudzinski ha elogiato la polizia per la loro “azione efficiente” nell’identificarla. "Nessun capriccio di libertà", ha scritto il ministro su Twitter, "dà a nessuno il diritto di offendere i sentimenti dei credenti".

La battaglia per la liberazione 

A difesa delle tre donne si sono già schierate oltre 140.000 persone firmatarie di un appello per la liberazione al quale hanno aderito anche Amnesty International e diverse altre importanti organizzazioni per i diritti umani. “Il caso contro di loro non è l’unico, ma è un esempio delle ripetute violenze affrontate da attivisti e difensori dei diritti umani, semplicemente per aver portato avanti un attivismo pacifico in Polonia”, si legge in una dichiarazione di Amnesty International. “Elzbieta, Anna e Joanna si sono opposte all'odio e alla discriminazione e da anni lottano per una Polonia giusta ed uguale. Meritano di essere lodate e non portate in tribunale per il loro attivismo”, conclude la nota di Amnesty. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Partecipa a orgia con 24 uomini, deputato del partito di Orban fermato dalla polizia a Bruxelles

  • Il 2020 è anche l'anno dell'elezione di Adolf Hitler (in Namibia)

  • Svizzera nuova Svezia? Senza lockdown ha dimezzato i contagi, ma è stato boom di morti

  • Pistola e lingotti d'oro nel comodino del premier bulgaro. Che si difende: “Colpa di una bella donna”

  • Recovery Fund senza Polonia e Ungheria: la minaccia di von der Leyen

  • "Alexa è antisemita", Amazon apre un'inchiesta sull'assistente virtuale

Torna su
EuropaToday è in caricamento