rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Attualità

Variante Omicron, Bruxelles: "Adattare i vaccini immediatamente"

Un caso del ceppo B.1.1.529 in Belgio. Sospetti anche in Germania e Olanda. L'Ue fa appello a Big Pharma e invita a bloccare i voli dall'Africa australe

La nuova, preoccupante variante B.1.1.529 che dal Sud Africa si sta diffondendo nei Paesi vicini, sarebbe già arrivata in Europa. Lo hanno annunciato le autorità belghe, che hanno riscontrato il ceppo, che sarebbe molto più resistente ai vaccini attualmente sul mercato, su un paziente di ritorno dall'Egitto attraverso la Turchia. Altri casi sospette sono in corso di valutazione in Olanda e Germania. Dopo che Italia, Francia e Germania hanno per primi bloccato i voli dall'Africa australe, la Commissione europea ha invitato gli altri Stati Ue a fare lo stesso, usando il cosiddetto "freno d'emergenza". Ma a preoccupare Bruxelles è soprattutto la risposta dei vaccini alla nuova variante, tanto che la presidente Ursula von der Leyen ha lanciato un appello non troppo velato alle case farmaceutiche ad adattare "immediatamente" i loro farmaci anti-Covid.

"I contratti" che come Unione europea "abbiamo con i fabbricanti di vaccini" anti Covid, ha detto von der Leyen in una dichiarazione alla stampa, "prevedono che debbano essere adattati immediatamente alle nuove varianti del virus, non appena emergono". L'Ue sta prendendo "molto sul serio la notizia della nuova variante di Covid altamente mutata - ha proseguito - Sappiamo che le mutazioni potrebbero portare alla comparsa e alla diffusione di varianti ancora più preoccupanti del virus che potrebbero diffondersi in tutto il mondo nel giro di pochi mesi. Ora è importante che tutti noi in Europa agiamo molto rapidamente, con decisione e uniti".

La Commissione europea ha pertanto proposto agli Stati membri di attivare il "freno di emergenza" sui viaggi dai Paesi dell'Africa australe e da altri Paesi colpiti per limitare la diffusione della nuova variante. "Tutti i viaggi aerei verso questi Paesi dovrebbero essere sospesi fino a quando non avremo una chiara comprensione del pericolo rappresentato da questa nuova variante - dice sempre von der Leyen - E i viaggiatori di ritorno da questa regione dovrebbero rispettare rigide regole di quarantena".

Oggi, ha proseguito, "ho parlato della situazione in diverse telefonate e videoconferenze con scienziati e produttori di vaccini. Anch'essi sostengono pienamente tali misure precauzionali per evitare la diffusione internazionale di questa relativa variante. Dipende anche da tutti noi come cittadini contribuire a un migliore controllo della pandemia. Si prega di vaccinarsi il prima possibile, se non ancora fatto. E seguire le regole conosciute per proteggersi. I booster offrono una protezione ancora migliore". Ecco perché gli europei "dovrebbero cogliere ogni opportunità per proteggersi attraverso la vaccinazione. Abbiamo acquisito esperienza con altri mezzi come mascherine, igiene delle mani e distanziamento sociale ma anche divieti di viaggio e misure di frontiera. Questo aiuta a rallentare la diffusione dei virus. Questo è importante perché ci fa guadagnare tempo prezioso. Tempo per più vaccinazioni e colpi di richiamo". E infine l'appello alle case farmaceutiche: "I contratti dell'Unione europea con i produttori affermano che il vaccino deve essere adattato immediatamente alle nuove varianti man mano che emergono. L'Europa ha preso precauzioni", conclude von der Leyen.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Variante Omicron, Bruxelles: "Adattare i vaccini immediatamente"

Today è in caricamento