I volontari europei potranno lavorare anche al di fuori dell'Ue

Il Parlamento conferma gli stanziamenti di oltre un miliardo di euro per i programmi europei di solidarietà rivolti ai giovani dai 18 ai 30 anni

I giovani europei che vogliono mettersi a disposizione di chi ne ha bisogno hanno una nuova opportunità di volontariato. Con una previsione di spesa pari a 1,26 miliardi di euro per il periodo 2021-2027, la commissione Cultura del Parlamento europeo ha deciso di confermare i propri impegni sul neonato Corpo europeo di solidarietà. Un “esercito” di giovani volontari tra i 18 e i 30 anni, che da qualche mese hanno già iniziato le loro attività di aiuto alle popolazioni locali colpite da emergenze o agli individui bisognosi di aiuto. Come si legge sul sito web dedicato, i programmi vanno dalle attività di inclusione “tra cui il lavoro con persone disabili o che necessitano di un sostegno specifico, la lotta alla discriminazione e all’intolleranza” alle “attività di accoglienza e integrazione dei rifugiati e dei migranti”. Ma si può anche dare una mano sul fronte ambientale e della sicurezza per “aiutare le comunità a prevenire i rischi di catastrofe naturale accertati” o occuparsi di “progetti che promuovono la salute e il benessere in generale”.

Le attività di volontariato ammissibili al finanziamento europeo vanno svolte in un Paese diverso da quello di residenza e avere una dimensione solidale. Tutti i gli aspiranti volontari devono registrarsi sul portale ad hoc, disponibile in tutte le lingue dell’Ue. Tra le novità previste per il settennio 2021-2027 ci saranno anche gli interventi di aiuto umanitario al di fuori del territorio Ue. Sebbene queste attività vengano finanziate solo con il 6% del budget totale, consentiranno ai partecipanti altamente qualificati di offrire supporto a comunità che ne hanno particolarmente bisogno anche fuori dall’Ue. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La relatrice del testo in commissione Cultura, Michaela Sojdrová, sottolinea la volontà degli eurodeputati di “incoraggiare e facilitare la partecipazione dei giovani con meno opportunità e aumentare la consapevolezza di questo programma”. Il testo è stato approvato con 14 voti favorevoli, uno contrario e un'astensione. La discussione e votazione per confermare lo stanziamento dei fondi in prima lettura da parte del Parlamento europeo è prevista per la sessione plenaria di marzo a Strasburgo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Per l'Ue anche l'Italia è zona rossa: si salva solo la Calabria (che però perde il "bollino" verde)

  • Svezia sicura della sua strategia, elimina anche le restrizioni per anziani e vulnerabili

  • Altro che Mes, l'Italia pronta a rinunciare anche ai prestiti del Recovery fund

  • L'Olanda manda i malati di Covid in Germania: "Nelle terapie intensive solo 200 posti ancora liberi"

  • La Corte Ue "salva" il taglio dei vitalizi agli eurodeputati italiani

  • È vero che l'Ue vuole tassare la prima casa? Sì, ma solo se sei ricco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento