menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vaccino accessibile a tutti, Ue lancia raccolta fondi da 7,5 miliardi

L'iniziativa di Bruxelles ha visto finora le adesioni di diversi Paesi, tra cui Giappone e Arabia Saudita. Mancano all'appello Cina e Usa

L'obiettivo finale è garantire un vaccino accessibile a tutta la popolazione mondiale. Per farlo, il primo target da raggiungere è la raccolta, attraverso fondi pubblici e donazioni private, di 7,5 miliardi di euro. E' con queste premesse che il 4 maggio alle 15 partirà la "World against Covid-19", la maratona di raccolta fondi  per un piano di cooperazione globale per la ricerca di un vaccino contro la pandemia da coronavirus. L'iniziativa è stata ideata dalla Commissione europea e vede le adesioni di Italia, Francia, Germania, Norvegia, Regno Unito, Canada, Giappone, Arabia Saudita (presidenza G20) e Consiglio europeo. All'appello mancano Stati Uniti e Cina. E non sono assenze di poco. 

"Siamo decisi a collaborare con tutti coloro che condividono il nostro impegno a favore della cooperazione internazionale. Siamo pronti a guidare e a sostenere la risposta globale", si legge nel documento di lancio dell'iniziativa a firma dei capi di Stato e di governo dei Paesi europei aderenti, tra cui Giuseppe Conte, e della presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen. "Il nostro obiettivo è semplice - si legge ancora - il 4 maggio, in occasione di una conferenza dei donatori online, puntiamo a raccogliere una somma iniziale di 7,5 miliardi di euro (8 miliardi di dollari) per sopperire alla carenza globale di finanziamenti che emerge dalle stime del Global preparedness monitoring board (GPMB) e di altri". 

Ricordando che "l'impegno dei leader del G20 a fornire una risposta coordinata al virus su larga scala", i leader europei sottolineano che "tutti noi metteremo i nostri impegni sul tavolo e siamo lieti che i nostri partner di tutto il mondo faranno altrettanto". "I fondi che raccoglieremo avvieranno una cooperazione globale senza precedenti che coinvolgerà scienziati e autorità di normazione, industria e governi, organizzazioni internazionali, fondazioni e operatori sanitari. Sosteniamo l'Organizzazione mondiale della sanità - hanno ribadito -e siamo lieti di unire le forze con organizzazioni esperte come la fondazione Bill e Melinda Gates e il Wellcome Trust".

"Se riusciamo a sviluppare un vaccino prodotto dal mondo per il mondo, questo vaccino sarà un bene pubblico globale unico del 21esimo secolo. Insieme ai nostri partner, ci impegniamo a renderlo disponibile e accessibile a tutti - scrivono ancora - È questo il dovere della nostra generazione e sappiamo di potercela fare. Tecnologie sanitarie di elevata qualità e a basso costo non sono un sogno ad occhi aperti. Negli ultimi vent'anni abbiamo visto come i partenariati pubblico-privato siano riusciti a mettere a disposizione dei più poveri in tutto il mondo numerosi vaccini salvavita".

"Sappiamo che la corsa sarà lunga - avvisano i leader - A partire da oggi facciamo uno sprint verso il primo obiettivo, ma ci prepariamo a una maratona. L'obiettivo iniziale coprirà solo le prime necessitò: la produzione e la distribuzione di medicinali su scala globale richiederanno risorse ben al di sopra di questo obiettivo. Insieme - concludono -dobbiamo garantire che le risorse continuino a essere mobilitate e che si continuino a compiere progressi per ottenere un accesso universale ai vaccini, alle terapie e ai test". 

Finora, per vaccini e terapie, l'Ue ha mobilitato circa 380 milioni di euro. A oggi, ricorda la Commissione Ue, ci sono oltre 70 vaccini a cui stanno lavorando ricercatori di tutto il mondo e 3 sono già nella fase dei test. Tra questi, c'è il vaccino dello Jenner Institute della Oxford University con la partnership dell'azienda italiana Advent-Irbm di Pomezia e della multinazionale farmaceutica AstraZeneca. Un primo stock potrebbe essere disponibile già a dicembre: "Vogliamo essere pronti con 100 milioni di dosi entro la fine dell'anno e poi ampliare", ha annunciato il chief executive della multinazionale, Pascal Soriot. Per la durata della pandemia si prevede di adottare un modello 'no for profit', senza margini di profitto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Estate alle Maldive? Il Paese offrirà il vaccino ai turisti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento