menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Turisti  Corfu, in Grecia - foto Asa EPA/ANDY RAIN

Turisti Corfu, in Grecia - foto Asa EPA/ANDY RAIN

Vaccinazioni a tutta forza in Uk. E Grecia, Portogallo e Cipro aprono le porte ai turisti britannici

Il governo di Atene ha detto di essere pronto ad "accoglierli a braccia aperte". Per tutti coloro che hanno avuto le due iniezioni non saranno necessari né test né quarantena. "Faremo lo stesso con altre nazioni che vaccinano molto"

I cittadini del Regno Unito possono cominciare a prenotare le proprie vacanze al mare. Grazie al successo della campagna di vaccinazione sono sempre più i Paesi che hanno deciso di riaprire in anticipo le proprie porte ai turisti britannici, a cui sono pronti a eliminare ogni restrizione. Al momento sono Grecia, Cipro e Portogallo le nazioni che hanno annunciato l'allentamento delle restrizioni, ma altri se ne aggiungeranno sicuramente presto. Il governo di Atene ha deciso che darà priorità ai britannici anche rispetto alle nazioni dell'Unione europee: per tutti quelli che avranno ricevuto le due dosi non ci sarà bisogno di test o quarantena se vorranno andare nei prossimi mesi a godersi le spiagge elleniche.

"Braccia e porte aperte"

“Per quanto riguarda il Regno Unito, siamo felici di poter aprire le nostre braccia e le nostre porte prima del previsto. Questo è il piano che stiamo cercando di perseguire per alcuni Paesi che hanno tassi di vaccinazione elevati", ha annunciato il ministro del Tursmo di Atene, Haris Theoharis. Le proposte allo studio del governo includono un "progetto pilota con alcuni paesi" in vista della riapertura ufficiale della Grecia il 14 maggio per testare le misure al confine e i protocolli sanitari nelle località turistiche. "Siamo felici di aprire prima e potenzialmente risolvere eventuali problemi che possono sorgere con le nazioni che sono ritenute più sicure di altri. Israele e Regno Unito sono al vertice ". Come riporta il Times Theoharis ha detto di aver parlato con i ministri del Dipartimento dei trasporti di Londra questa settimana per discutere come funzionerà la riapertura del Paese ai britannici, per cui i viaggi all'estero al momento sono vietati fino al 17 maggio. L'idea è quella del passaporto vaccinale, tutti quelli che avranno il certificato digitale che attesta che hanno avuto entrambe le iniezioni avranno acceso libero, per gli altri servirà un test negativo ma comunque nessuna quarantena. “Riteniamo che il nostro sistema raggiunga il giusto equilibrio tra la possibilità di viaggiare e la sicurezza sia per i turisti che per la popolazione locale", ha sostenuto Theoharis.

L'annuncio del Portogallo

Cipro aveva già annunciato la riapertura dei suoi confini ai britannici dal prossimo primo aprile e ora anche il Portogallo ha detto di essere pronto a farlo. "Stiamo lavorando a un piano e speriamo di dare il benvenuto a tutti i vacanzieri britannici a partire dal 17 maggio”, ha detto la segretaria di Stato al Turismo Rita Marques, spiegando che l'idea è che "i vacanzieri possano presentare alle autorità portoghesi una certificazione che attesti che sono vaccinati contro il virus o mostrare un test Covid negativo”, e in entrambi i casi non sarà necessaria alcuna quarantena. "Sarà un processo molto semplice", ha garantito. Nonostante la Gran Bretagna non faccia più parte dell'Unione europea il Portogallo ha deciso di darle comunque una via d'ingresso preferenziale. "Non ha senso pensare a una soluzione solo per l'Europa. Viaggiare dovrebbe essere mondiale, per tutti", ha affermato Marques. Nel Regno Unito oltre 35 milioni di persone, quasi il 39 per cento della popolazione, hanno ricevuto almeno la prima dose, con la seconda che è prevista a circa tre mesi dalla prima.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento