Stretta di Orban contro i trans: non potranno più cambiare sesso legalmente

Il Parlamento ha approvato a larga maggioranza un testo che elimina la possibilità di cambiare sesso sui documenti anche se ci si è sottoposti a una operazione, cosa prima permessa

L'Ungheria fa un passo indietro per quanto riguarda i diritti Lgbti+. Il Paese guidato dal premier nazionalista Viktor Orban ha eliminato ogni riconoscimento giuridico delle persone transessuali, e ora non sarà più possibile cambiare il genere sui propri documenti, anche se ci si è sottoposti ad un'operazione per il cambio di sesso.

La nuova legge

La nuova legge, che impone di mantenere legalmente immutato il genere con il quale si è stati registrati alla nascita, è stata approvata dal Parlamento con i 134 voti della coalizione di governo, 57 contrari e quattro astensioni, nonostante Orbán abbia pieni poteri a tempo indeterminato grazie al provvedimento di emergenza legato all'emergenza coronavirus. In base al testo il genere è ora definito come "il sesso biologico basato su caratteristiche sessuali primarie e cromosomi". Una mossa denunciata come "triste e scandalosa" dalle organizzazioni Lgbt.

La condanna di Amnesty

"Questo voto spinge l'Ungheria indietro verso tempi bui e sopprime i diritti delle persone transgender e intersessuate, che dovranno subire non solo ulteriori discriminazione ma anche le conseguenze di un clima ancora più intollerante e ostile verso la comunità Lgbti", ha denunciato la ricercatrice di Amnesty International sull'Ungheria Krisztina Tamás-Sáróy, chiedendo "Chiediamo al Commissario per i diritti fondamentali dell'Ungheria di sollecitare urgentemente una revisione da parte della Corte costituzionale che porti all'annullamento di questa terribile nuova norma".

Cambi di genere già congelati

I cambiamenti legali di genere nel Paese erano autorizzati ma nei fatti congelati dal 2017. Adesso tutte le richieste delle persone in attesa del riconoscimento saranno respinte, insieme a tutte le nuove domande. Poiché la nuova categoria sui documenti elencherà "sesso alla nascita", che questo potrebbe essere utilizzato per colpire le persone trans che hanno già cambiato legalmente il loro genere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Dal 1 gennaio basterà un ritardo di pagamento di 100 euro per finire nella blacklist delle banche”

  • George Clooney attacca Orban: “In Ungheria solo rabbia e odio”. La replica: “Consigliato da Soros”

  • Sci, Austria contro l'Italia: "Nostri impianti resteranno aperti, se Ue ci obbliga ci risarcisca"

  • Neonazismo e antisemitismo: si dimette l'alleato olandese di Giorgia Meloni

  • "Alexa è antisemita", Amazon apre un'inchiesta sull'assistente virtuale

  • "Tornerò in Russia per portarla verso l’Ue". Navalny lancia la sfida a Putin

Torna su
EuropaToday è in caricamento