rotate-mobile
Mercoledì, 5 Ottobre 2022
Energia

Ungheria controcorrente: nuovo contratto con la Russia sul gas

Budapest affida a Gazprom la sua sicurezza energetica. Raggiunta l'intesa per circa 5,8 milioni di metri cubi di metano in più su base giornaliera

Mentre l’Europa cerca di slegarsi dalla dipendenza energetica dalla Russia, un Paese membro dell’Ue ha annunciato un nuovo accordo di fornitura extra di gas naturale da Mosca. Si tratta dell’Ungheria, Paese guidato dal primo ministro Viktor Orban, che negli ultimi mesi si è più volte esposto come voce critica nei confronti delle sanzioni di Bruxelles alla Russia, addirittura mettendo il veto su alcune contromisure Ue per contrastare la guerra in Ucraina. 

Il portavoce di Orban, Zoltan Kovacs, ha infatti annunciato su Twitter il raggiungimento di un contratto con il colosso dell’energia russa Gazprom per “un massimo di circa 5,8 milioni di m3 di gas naturale in più su base giornaliera”, che va ad aggiungersi alle quantità già previste dai precedenti contratti tra Mosca e Budapest. “L'approvvigionamento energetico dell'Ungheria è al sicuro”, ha aggiunto il portavoce di Orban ricordando il cavallo di battaglia del premier magiaro, che dall’inizio del conflitto in Ucraina ha messo in guardia i Paesi Ue contro l’introduzione di sanzioni che possano mettere a rischio l’approvvigionamento energetico dei Paesi Ue.

L’Ungheria comprerà più gas dalla Russia: ‘tradita’ la linea Ue pro-Kiev

Tuttavia resta da vedere come reagirà Bruxelles all’annuncio del governo ungherese e non è detto che le istituzioni Ue non si attivino per contrastare l’aumento della dipendenza energetica dell’Ungheria dalla Russia. A fine maggio la Commissione europea ha infatti presentato il piano RepowerEu volto proprio a ridurre la dipendenza dell’Europa dai combustibili fossili russi e accelerare al contempo la transizione verde verso una produzione energetica eco-sostenibile. In altre parole, il nuovo contratto tra Budapest e Gazprom è l’esatto contrario di quanto richiesto dall’Europa agli Stati membri sia per sanzionare l’invasione russa dell’Ucraina che per raggiungere gli obiettivi di sostenibilità ambientale fissati dal Green Deal.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ungheria controcorrente: nuovo contratto con la Russia sul gas

Today è in caricamento