menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
EPA/PETER STEFFEN

EPA/PETER STEFFEN

"Una scelleratezza consegnare le cartelle cliniche degli italiani all'IBM". Rossi attacca il governo e Renzi

Il Presidente della Toscana: "61 milioni di cartelle vendute per un piatto di lenticchie". Sotto accusa l'accordo del 2015 tra Renzi e la multinazionale Usa che entra in vigore il 12 dicembre tra le pieghe della Legge europea 2017.

"Una scelleratezza" che cercheremo di "impedire" in tutti i modi. Così il Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi ha definito l'entrata in vigore il prossimo 12 dicembre dell'accordo voluto nel 2015 dal governo Renzi che consegnerà i dati sanitari degli italiani alla multinazionale americana IBM. "E' una cosa che lascia sorpresi e profondamente amareggiati al punto da non credere fino in fondo che sia realmente così, vogliamo studiare l'accordo", ha affermato Rossi di fronte ai giornalisti a Bruxelles al termine di un incontro con il Presidente della Commissione europea Jean Claude Juncker

I dati sanitari sono la storia di un paese, non si vendono per un piatto di lenticchie

"I dati sanitari - ha insistito Rossi - sono la storia della salute di un paese, conoscerli e conoscerli in modo dinamico nella loro evoluzione significa poter programmare la ricerca, l'assistenza, sono fondamentali, che si vendano per un piatto di lenticchie ad una multinazionale che poi può utilizzarli e a sua volta rivenderli mi pare un'operazione semplicemente sciagurata". "Se devono essere disponibili per tutti, che lo siano davvero per tutti - ha continuato il Presidente della Toscana - per i centri di ricerca, per le regioni, ma consegnare la storia sanitaria di una paese ad una multinazionale...(..) faremo di tutto per impedire che questa scelleratezza vada in porto". 

I dati degli italiani in mano all'IBM, il M5S lancia l'allarme

La Legge europea

La Legge europea 2017, pubblicata in Gazzetta Ufficiale lo scorso 28 novembre, recepisce e rende applicabile l'accordo raggiunto nel 2015 dall'allora governo Renzi per la cessione dei dati sanitari degli italiani all'IBM per uso di ricerca scientifica a cambio dell'apertura a Milano del centro Watson Health della stessa multinazionale a stelle e strice. L'Mdp di Rossi aveva votato contro la Legge europea anche per via dell'articolo 28, quello sulla cessione delle 61 milioni di cartelle cliniche degli italiani

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento