menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto Ansa  EPA/OLIVIER HOSLET

Foto Ansa EPA/OLIVIER HOSLET

Linea dura dell'Ue: basta omofobia, niente fondi agli Stati che discriminano gli omosessuali

Ursula von der Leyen promette lo stop ai contributi nei confronti dei Governi che non rispettano la comunità Lgbt+. E rinnova il suo invito al riconoscimento reciproco dello status familiare: "Chi è genitore in un Paese lo sia in tutta Europa"

Lo aveva già detto durante il suo primo discorso sullo Stato dell’Unione e l’ha ribadito oggi in un contesto molto meno solenne, ma non per questo meno significativo. Secondo la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, “la discriminazione sulla base dell’orientamento sessuale non deve trovare posto nell’Unione europea”. Un’affermazione di buon senso, diranno in tanti, ma accompagnata da una promessa inedita. “Per quanto mi sarà possibile - ha detto la tedesca - agirò” contro il fenomeno, “anche con la sospensione della distribuzione dei fondi e portando i Governi di fronte ai giudici”, come richiesto da anni da tanti esponenti della società civile e del mondo politico.

La dura presa di posizione nei confronti dei Paesi meno inclini non solo a riconoscere i diritti civili di omosessuali e transessuali, ma anche a calpestarne senza remore le libertà individuali, è arrivata nel corso della video-rubrica su Twitter #AskThePresident, chiedi alla presidente. Nell’evento online la politica tedesca risponde ad alcune domande poste dai cittadini.

Un utente le aveva chiesto cosa ne pensasse delle zone ‘gay-free’ in Polonia e aveva richiamato ai valori fondanti dell’Ue, in contrasto con le disparità di trattamento in relazione alle tendenze sessuali. “Ogni persona - è stata la replica della presidente - deve essere libera di essere se stessa e amare chi vuole in tutti i Paesi europei”. La von der Leyen ha quindi promesso che lavorerà per “il riconoscimento reciproco delle relazioni familiari nell’Unione europea” perché “chi è genitore in un Paese deve esserlo in tutti i Paesi”. “Stiamo lavorando - conclude - a una strategia per l’uguaglianza Lgbtqi che presenterò presto”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento