menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Ora legale, 8 europei su 10 vogliono abolirla"

Sarebbe questo l'esito di una consultazione pubblica avviata dalla Commissione Ue e a cui avrebbero partecipato oltre 4 milioni e mezzo di cittadini. L'imbarazzo di Bruxelles per la fuga di notizie

Ora legale sì, ora legale no. L’Europa e gli europei si dividono sullo spostamento delle lancette. Se gli Stati membri non hanno saputo indicare se mantenere o meno il cambio dell’ora due volte l’anno, i cittadini invece si sono espressi. L’80% dei partecipanti alla consultazione pubblica avviata dall’esecutivo comunitario ha detto “sì” all’abbandono del sistema di cambio dell’ora.

La direttiva Ue

Nel territorio dell’Unione europea la modifica degli orologi è previsto da un’apposita direttiva. Qui è chiarito che l’ora legale inizia l’ultima domenica di marzo (si spostano le lancette avanti di un’ora) e termina l’ultima domenica di ottobre (si rimettono le lancette un’ora indietro). Si sta ragionando sull’eventualità di abolire tutto questo, e a quanto pare i cittadini sarebbero a favore.

Ora legale, ecco perché vogliamo abolirla

La consultazione

Bisogna però capire quanto può venire in aiuto la statistica. La popolazione dell’Ue conta circa 500 milioni di persone. Alla consultazione pubblica avrebbero però partecipato 4,6 milioni di persone, meno cioè dell’1% degli abitanti dell’Unione europea. L’80% di loro, però, si sarebbe espressa contro l'attuale sistema. Che fare di fronte a un simile esito? I numeri, riportati dalla stampa tedesca, non sono stati confermati dalla Commissione europea, il cui capo dei portavoce, Margaritis Schinas, ha preferito quindi non commentare.

“Questa consultazione non è un referendum”, sottolinea Schinas. Il risultato non è dunque vincolante e il legislatore comunitario potrebbe di conseguenza anche non tenerne conto. Anche se, continua Schinas, “è un elemento che verrà considerato nelle raccomandazioni che saranno formulate in seguito”.

Il no del Parlamento Ue

A febbraio, sotto la spinta delle richieste della Finlandia, paese contrario all'ora legale, il Parlamento europeo si è espresso contro una riconsiderazione del sistema di cambio dell’ora in ragione della salute: imporre un cambio di orario potrebbe avere effetti negativi sul benessere dell’uomo e ha quindi chiesto alla Commissione Ue di condurre una valutazione approfondita sul tema.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento