Ue, cittadinanza a quasi 1 milione di persone. Italia primo paese

Da noi oltre un quinto dei “nuovi cittadini”: 37mila provengono dall'Albania, 35mila dal Marocco e 9mila dall'India

Crescono le persone che nell'Unione europea hanno acquisito la cittadinanza di uno Stato membro: secondo gli ultimi dati dell'Eurostat, nel 2016 sono state circa 995mila contro le 841mila del 2015. Il paese che ha rilasciato più cittadinanze è l'Italia, con 201.591 persone (+13% rispetto al 2015). A seguira la Spagna con 150.944 (+32%), Regno Unito con 149.372 (+27%), Francia con 119.152 (+5%) e Germania con 112.843 (+2%).

Il grosso delle cittadinanze è frutto di "movimenti" interni all'Unione europea: quasi 800mila persone, infatti, già cittadini di un determinato paese membro dell'Ue hanno acquisito una seconda cittadinanza in un altro Stato membro. Tra coloro che provengono da fuori i confini dell'Unione, invece, in testa ci sono i marocchini (101mila), seguiti dagli albanesi (67mila) e gli indiani (41mila). 

In Italia, che da sola ha rilasciato oltre un quinto delle nuove cittadinanze nell'Ue, i “nuovi cittadini” provenienti fuori dall'Unione sono soprattutto albanesi (circa 37mila), marocchini (35mila) e indiani (9mila). 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Dal 1 gennaio basterà un ritardo di pagamento di 100 euro per finire nella blacklist delle banche”

  • Bimba di 2 anni uccisa dalla polizia, mobilitazione internazionale per chiedere giustizia

  • George Clooney attacca Orban: “In Ungheria solo rabbia e odio”. La replica: “Consigliato da Soros”

  • Sci, Austria contro l'Italia: "Nostri impianti resteranno aperti, se Ue ci obbliga ci risarcisca"

  • Dopo il confinamento la Francia vede la fine del tunnel. In Spagna a gennaio partono le vaccinazioni

  • Neonazismo e antisemitismo: si dimette l'alleato olandese di Giorgia Meloni

Torna su
EuropaToday è in caricamento