L'Ue chiude le porte alla Catalogna, Tajani: “Nessun Paese accetterà l'indipendenza”

Il presidente del Consiglio europeo Tusk: “Non c'è spazio per ogni tipo di mediazione, non possiamo intervenire”

European Union

Se la Catalogna cerca una sponda nell'Unione europea nel suo desiderio di raggiungere l'indipendenza dalla Spagna si sbaglia di grosso. Le istituzioni comunitarie fanno muro attorno al governo di Mariano Rajoy e respingono al mittente tutte le richieste di intervento di Carles Puigdemont. "Sarebbe bene che il governo della Catalogna non proclamasse l'indipendenza, perché nessuno è a favore della sua indipendenza, nessuno in Europa può accettare l'indipendenza della Catalogna e nessuno aiuterà il governo della Catalogna in questa direzione".

Il muro di Tajani

È stato categorico il presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, parlando in conferenza stampa dopo il suo intervento al vertice Ue a Bruxelles. Il tema non è nell'agenda dei leader ma non si esclude che Rajoy possa sollevare la questione. La sfida indipendentista da parte della Catalogna "non è un problema" dell'Ue, ma della Spagna e perciò la soluzione deve essere trovata "all'interno del quadro giuridico spagnolo" e dentro la Costituzione spagnola ha affermato Tajani, che proprio ieri ha incontrato il segretario del partito socialista spagnolo (Psoe) Pedro Sanchez per discutere della faccenda. "La Catalogna non è uno Stato ma una regione autonoma che fa parte dello Stato spagnolo" e per questa ragione, ha assicurato Tajani "non intendo fare alcuna mediazione" per due motivi: "Perché non è competenza del Parlamento europeo farla", e perché "non intendiamo riconoscere la Catalogna come un interlocutore allo stesso livello del governo spagnolo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La posizione del Consiglio Ue

Sulla stessa linea il presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, che ha spiegato: “La posizione delle istituzioni e degli Stati membri è chiara: non c'è spazio per ogni tipo di mediazione”. Per Tusk “tutti abbiamo le nostre emozioni, opinioni, valutazioni ma formalmente non c'è spazio per un intervento dell'Ue”. Puigdemont dovrà vedersela da solo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In Svezia non c'è la seconda ondata, l'epidemiologo di Stato: "La nostra strategia è sostenibile"

  • "Chiamatemi Principessa", la figlia illegittima del re vuole i titoli. Ma la Casa reale dice no

  • “Salvini marionetta di Putin”, l'alleato di Berlusconi attacca la Lega

  • La Germania ha deciso: il vaccino per il coronavirus sarà volontario

  • Ryanar taglia il 40% dei voli a ottobre e accusa i governi Ue: "Cattiva gestione della crisi Covid"

  • I profitti sono cresciuti del 35%, ma Amazon paga solo il 3% di tasse in più

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento