“Ue presa in ostaggio”, “più pericolosi della Brexit”: la stampa russa celebra il duo Salvini-Di Maio 

Secondo l'agenzia governativa Ria Novosti,  l'Italia “ha deciso di trasformare la propria crisi politica in un collasso paneuropeo istituzionale ed economico”. E guarda con favore al ritiro della sanzioni a Mosca che sarebbe previsto dal contratto di governo

La Russia sembra guardare con favore al processo di formazione di un governo Lega-M5s, che, stando a quanto circolato finora, dovrebbe avere, tra i punti del suo programma, il ritiro delle sanzioni contro Mosca. Cremlino e ministero degli Esteri si sono già espressi positivamente e anche i media prestano particolare attenzione a quanto accade nel nostro Paese, sottolineando la posizione di rottura del possibile nuovo governo rispetto alla politica di allineamento a Bruxelles. 

L'Italia e il collasso paneuropeo

L'agenzia governativa Ria Novosti titola oggi: “L'Italia ha preso l'Europa in ostaggio e chiede l'immediato ritiro delle sanzioni alla Russia". Nel pezzo si elencano "i tanti problemi", a cui deve far fronte l'Ue in queste settimane: la guerra commerciale con gli Usa, l'ennesima crisi finanziaria greca, la distruzione dell'accordo sul nucleare iraniano da parte di Donald Trump. "Ma non esiste situazione che non può andare peggio - si legge nell'articolo - e così è arrivata l'Italia, che ha deciso di trasformare la propria crisi politica in un collasso paneuropeo istituzionale ed economico". 

I 5 stelle “euroscettici di sinistra”

Ria Novosti descrive i due partiti che governeranno come "euroscettico di destra", la Lega Nord, ed "euroscettico di sinistra" il Movimento 5 stelle. Secondo l'autore del pezzo, Ivan Danilov, "la stessa esistenza dell'Unione europea, come un unico sistema, potrebbe entrare in bilico" e il governo giallo-verde potrebbe essere "più pericoloso" della Brexit, "perché l'Italia non vuole lasciare l'Ue, ma vuole riformare l'Unione a sua immagine e somiglianza, prendendo in ostaggio il sistema finanziario e politico europeo". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le sanzioni Ue alla Russia

L'altra agenzia governativa Sputnik, citando ieri una fonte "vicina alle trattative per formare il nuovo governo" Lega-M5S, ha scritto che l'Italia potrebbe dichiarare, durante il summit G7 di giugno, di non voler continuare con le sanzioni anti-russe. "Di certo, le sanzioni non saranno revocate il giorno stesso della formazione del governo - ha detto la fonte di Sputnik - dipenderà dall'agenda degli incontri internazionali. Il prossimo summit del G7 sarà a giugno, forse già in quell'occasione l'Italia dichiarerà di non voler continuare con le sanzioni". Secondo la fonte di Sputnik, "l'Italia può revocare le sanzioni in modo unilaterale; è un po' prematuro dire quale sarà il meccanismo, non sappiamo se altri si uniranno a noi". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In Svezia non c'è la seconda ondata, l'epidemiologo di Stato: "La nostra strategia è sostenibile"

  • “Maxi-riciclaggio da 2mila miliardi”. Trema il settore bancario: coinvolti tre istituti europei

  • “Salvini marionetta di Putin”, l'alleato di Berlusconi attacca la Lega

  • L'Irlanda mette in quarantena chi arriva dall'Italia

  • La Germania ha deciso: il vaccino per il coronavirus sarà volontario

  • Ryanar taglia il 40% dei voli a ottobre e accusa i governi Ue: "Cattiva gestione della crisi Covid"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento