rotate-mobile
Martedì, 27 Settembre 2022
Le trattative / Iran

L'Ue prova a resuscitare l'accordo sul nucleare con l'Iran

Dopo che fu fatto saltare da Trump nel 2018 Teheran ha ricominciato con i suoi programmi di sviluppo atomico, ora Bruxelles sta provando a mediare una nuova intesa con gli Stati Uniti

L'Unione europea sta provando a resuscitare l'accordo cul nucleare con l'Iran, che è stato stralciato dall'ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump nel 2018. Bruxelles ieri ha presentato un testo "finale" per rilanciare il patto che fu siglato nel 2015, grazie alla mediazione dell'allora Alto rappresentante per la Politica estera dell'Ue Federica Mogherini. Il nuovo testo è arrivato mentre si concludevano a Vienna quattro giorni di colloqui indiretti tra funzionari statunitensi e iraniani. "Ciò che può essere negoziato è stato negoziato ed è ora in un testo finale. Tuttavia, dietro ogni questione tecnica e ogni paragrafo si nasconde una decisione politica che deve essere presa nelle capitali", ha twittato il capo della diplomazia comunitaria, Josep Borrell, aggiungendo che solo "se le risposte saranno positive, allora potremo firmare l'accordo", che è in fase di negoziazione da 15 mesi.

Mentre Washington si è detta pronta a raggiungere rapidamente un consenso per rilanciare l'intesa sulla base delle proposte europee, i funzionari iraniani hanno detto che avrebbero trasmesso le loro "opinioni e considerazioni aggiuntive" a Bruxelles, che coordina i colloqui, dopo le consultazioni a Teheran. Il sito web iraniano Nournews, affiliato al Consiglio supremo di sicurezza nazionale del Paese, ha affermato che l'Ue, in quanto coordinatore dei colloqui, non ha l'autorità per "presentare le sue proposte come testo finale". "L'obiettivo è costringere l'Iran ad accettare il testo... sotto pressione... quando l'Iran, come una delle parti negoziali, non lo accetta come testo finale, nessun'altra autorità può parlare della finalizzazione del testo", ha sostenuto.

Come spiega la Reuters a frenare il consenso il fatto che l'Iran ha avanzato richieste che gli Stati Uniti e le altre potenze occidentali considerano al di fuori dell'ambito del rilancio dell'accordo, come ad esempio la richiesta all'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Aiea) di ritirare le sue affermazioni secondo cui l'Iran non è riuscito a spiegare completamente le tracce di uranio in diversi siti non dichiarati. Ciascuna delle due parti ha cercato di mettere l'altra in condizione di scendere a compromessi. In base all'accordo del 2015, l'Iran ha ridotto il suo programma nucleare in cambio di un alleggerimento delle sanzioni di Stati Uniti, Unione Europea e Nazioni Unite. Ma l'ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha rinnegato l'accordo nucleare nel 2018 e ha ripristinato dure sanzioni statunitensi, spingendo Teheran a iniziare a violare i limiti nucleari dell'accordo circa un anno dopo.

Il patto sembrava vicino al rilancio a marzo, ma 11 mesi di colloqui indiretti tra Teheran e l'amministrazione del nuovo presidente degli Stati Uniti Joe Biden a Vienna sono stati gettati nel caos soprattutto a causa dell'insistenza dell'Iran affinché Washington rimuovesse il suo Corpo delle Guardie Rivoluzionarie d'élite dalla lista delle organizzazioni terroristiche straniere degli Stati Uniti. La Reuters, citando un funzionario iraniano e uno europeo, ha riferito a giugno che Teheran aveva rinunciato alla richiesta. L'Iran ha anche cercato di ottenere garanzie sul fatto che nessun futuro presidente degli Stati Uniti avrebbe rinnegato l'accordo se fosse stato rinnovato, come ha fatto Trump. Ma Biden non può fornire tali garanzie di ferro perché l'accordo è un'intesa politica piuttosto che un trattato giuridicamente vincolante.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Ue prova a resuscitare l'accordo sul nucleare con l'Iran

Today è in caricamento