rotate-mobile
Mercoledì, 5 Ottobre 2022
Propaganda

Come l'informazione di Stato russa ha aggirato le sanzioni Ue

RT e Sputnik erano stati banditi dal territorio dell'Unione, ma grazie a degli accorgimenti tecnici i loro siti sono riapparsi in diverse nazioni del blocco

La tv di Stato russa non è mai andata via dall’Unione europea. Dopo la messa al bando delle due emittenti finanziate da Mosca, RT (un tempo Russia Today) e Sputnik, queste hanno trovato il modo di aggirare le sanzioni a loro imposte dall’esecutivo comunitario. La “propaganda del Cremlino” continua quindi ad essere diffusa, senza troppi problemi, nel continente.

Ciò che è stato fatto, spiega Politico, è che i domini dei siti internet sono stati cambiati, in questo modo i siti hanno continuato a diffondere informazioni in modo indisturbato. Subito dopo le sanzioni in Germania e in Spagna sono apparsi rapidamente due nuovi siti, repliche perfette di Russia Today, i cui indirizzi IP e identificatori di Google analytics - strumenti tecnici utilizzati per gestire i siti - erano direttamente collegati all'organizzazione mediatica sostenuta dal Cremlino.

I ricercatori dell'Institute for Strategic Dialogue, un think tank che si occupa di estremismo online, hanno poi individuato altri cinque “siti clone”, che a differenza dei precedenti non erano ospitati su server legati a Mosca e 112 siti di aggregazione di notizie che ripubblicavano contenuti di RT insieme a quelli di organizzazioni mediatiche occidentali, molto probabilmente per generare denaro dalla pubblicità online.

"La cosa più probabile è che si tratti di un modo molto intenzionale per cercare di aggirare il fatto che sono stati limitati", ha dichiarato Jordan Wildon, senior manager dei metodi digitali presso l'Institute for Strategic Dialogue. "È una situazione da testa di idra. Se elimini una cosa, cercheranno di trovare un modo per fare qualcos'altro".

I contenuti dei siti del Cremlino sono dunque, a distanza di mesi dalle sanzioni, disponibili a milioni di utenti in tutto il mondo. La facilità con la quale RT e Sputnik sono state in grado di eludere le sanzioni, fa sorgere degli interrogativi sull’efficacia delle stesse. Interrogata sulla questione da Politico V?ra Jourová, vicepresidente della Commissione europea per i valori e la trasparenza, ha spiegato che "spetta agli operatori economici applicare le sanzioni e alle autorità nazionali farle rispettare" ma che queste “sono pienamente applicabili”.

Nonostante Google abbia tentato di limitare la portata dei media legati al Cremlino, rimuovendoli dalle raccomandazioni di ricerca e impedendo loro di guadagnare attraverso la pubblicità online, RT è stata in grado di convogliare le persone verso i suoi nuovi siti attraverso i suoi account ufficiali sui social media. "I principali amplificatori dei link erano in realtà gli account RT, sia su Facebook che su Twitter", ha dichiarato Kata Balint, analista del think tank e coautore del rapporto.

In risposta, Twitter ha dichiarato di aver bloccato l'amplificazione sulla sua piattaforma di tutti i tweet associati ai media statali russi, e quelli scoperti dai ricercatori rientrano in questa categoria, anche quelli che gli account ufficiali di RT hanno promosso sul social network. Meta ha anche dichiarato di aver retrocesso i contenuti di RT sulla sua piattaforma globale, ma ha rifiutato di commentare ulteriormente "per evitare che le persone aggirino i nostri sistemi".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Come l'informazione di Stato russa ha aggirato le sanzioni Ue

Today è in caricamento