Sui treni del Regno Unito torna la 'terza classe' dopo oltre 60 anni

Una compagnia privata, di cui fa parte anche Trenitalia, ha deciso di introdurre un biglietto tra la prima e la seconda. Sarà la prima a farlo dal 1956

Foto Ansa EPA/Andy Rain

Nel Regno Unito torna la “terza classe” che era scomparsa dai treni britannici nel lontano 3 giugno del 1956, quando fu abolita.

Compagnia privata

A reintrodurla nella tratta che collega Londra con Glasgow, in Scozia, sarà Avanti West Coast, la compagnia privata nata dalla partnership tra l'inglese FirstGroup e Trenitalia. Si tratterà in realtà di una classe intermedia tra la prima e la seconda ma che trasformerà quest'ultima, di fatto in una terza. La decisione è stata presa dall'azienda che ha appena sostituito sulla tratta la Virgin di Richard Branson, che operava su quel percorso dopo oltre 20 anni.

"Offerta più flessibile"

“Ci rendiamo conto che così ci saranno tre classi. Ci sarà la prima, poi una in stile economica premium e l'economica tradizionale”, ha affermato l'amministratore delegato di Avanti, Phil Whittingham. “La prima classe può essere piuttosto costosa” per questo “vogliamo garantire un'offerta più flessibile che si adatti a più fasce di prezzi”, ha spiegato Matthew Gregory, amministratore delegato di FirstGroup. In pratica i passeggeri potranno scegliere una sorta di biglietti di prima classe “light” che gli garantirà sedili più ampi e confortevoli, un wifi più veloce e snack offerti dall'azienda, ma non il pasto e altri servizi riservato ai viaggiatori di prima classe.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Flotta rinnovata

L'azienda ha anche promesso un investimento da 117 milioni di sterline per migliorare la flotta di 56 Pendolino, ristrutturando i vagoni entro l'autunno 2020 e anche l'acquisto di 23 nuovi intercity che dovrebbero essere operativi entro il 2022. In tutto ci saranno 25mila nuovi posti. Il nuovo biglietto dovrebbe essere introdotto dopo la ristrutturazione degli attuali treni ma non è ancora chiaro quale sarà la differenza di prezzo. L'azienda ha però garantito che i viaggiatori di seconda classe non vedranno certo peggiorare la loro esperienza di viaggio. Il tema della divisione 'di classe' nei treni del Paese è delicata e nel 2013 il Dipartimento dei trasporti fu costretto a negare che stava pianificando l'introduzione della “terza classe” nella East Coast dopo che fu reso pubblico un documento che parlava del progetto nella tratta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In Svezia non c'è la seconda ondata, l'epidemiologo di Stato: "La nostra strategia è sostenibile"

  • “Maxi-riciclaggio da 2mila miliardi”. Trema il settore bancario: coinvolti tre istituti europei

  • “Salvini marionetta di Putin”, l'alleato di Berlusconi attacca la Lega

  • L'Irlanda mette in quarantena chi arriva dall'Italia

  • Ryanar taglia il 40% dei voli a ottobre e accusa i governi Ue: "Cattiva gestione della crisi Covid"

  • Nuovi lockdown a Madrid, a Marsiglia terapie intensive piene. In Ue avanza la seconda ondata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento