rotate-mobile
Domenica, 28 Maggio 2023
Mobilità

Aumenta il trasporto merci su camion: "irrealistici" gli obiettivi Ue

La Corte dei conti europea stronca i traguardi della Commissione per incrementare gli scambi commerciali via treno e tramite vie navigabili

Gli obiettivi di taglio del trasporto merci su strada che l'Europa spera di raggiungere entro il 2030 sono "irrealistici". A dirlo è la Corte dei conti europea che ha presentato una relazione speciale sul trasporto intermodale delle merci. Nonostante la Commissione abbia stanziato 1,1 miliardi di euro dal 2014 al 2020 per incentivare il trasporto di container via treno o attraverso le vie navigabili interne, il traffico merci su gomma è aumentato dal 72% nel 2019 all'attuale 77%. "I camion la fanno ancora da padrone", è la sintesi dei revisori contabili Ue. 

"Obiettivi irrealistici"

"La Commissione europea ha stabilito obiettivi irrealistici per il 2030 e il 2050", si legge nella relazione con riferimento all'obiettivo di raddoppiare il traffico ferroviario e aumentare il ricorso alle vie navigabili interne del 50%. Traguardi ritenuti fuori portata: "Il trasporto intermodale delle merci non può ancora competere alla pari con il trasporto su strada a causa di ostacoli normativi e infrastrutturali". Tra i disincentivi al passaggio al trasporto merci più eco-sostenibile ci sono persino "alcune norme dell’Ue" che "nuocciono all’attrattività del trasporto intermodale", come l’attuale versione della direttiva sui trasporti combinati ritenuta "obsoleta (risale al 1992) e inefficace".

Treni in ritardo

Tra gli altri fattori che portano le aziende a preferire il trasporto su gomma a quello via treno ci sono anche l'inaffidabilità e i ritardi di quest'ultimo mezzo. L'Italia, uno dei sei Paesi Ue analizzati nella relazione, registra percentuali di puntualità del 41% per le tratte ferroviarie internazionali e del 54% per quelle interne. Il livello di affidabilità del trasporto merci interno via treno in Italia si attesta al 70% contro il 78% nei Paesi Bassi, il 90% in Polonia, il 96% in Francia, il 98% in Spagna e il 100% in Germania. 

Biocarburanti: il piano di Meloni per salvare le auto con motori a combustione

Le emissioni dei camion

Il settore dei trasporti, ha ricordato la Corte dei conti Ue "è responsabile di quasi un quarto delle emissioni di gas serra in Europa e quasi tre quarti di esse (il 72% nel 2019) sono imputabili al trasporto stradale". In particolare "gli autocarri e i camion che trasportano merci su strada sono responsabili di circa un quarto delle emissioni del trasporto stradale". Per questo il traffico merci su strada in aumento e le difficoltà riscontrate nel trasporto intermodale sono "questioni che l’Ue deve affrontare se vuole realizzare le proprie ambizioni ecologiche".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aumenta il trasporto merci su camion: "irrealistici" gli obiettivi Ue

Today è in caricamento