Troppo ‘traffico' sul web, possibile stop ai video in HD nelle ore 'di punta'

Aumentano le visualizzazioni su Netflix e piattaforme streaming a causa della quarantena. Allo studio della Commissione europea ci sarebbe un accordo con le imprese per abbassare la definizione delle immagini nei momenti di sovraffollamento

“Piattaforme di streaming, operatori di telecomunicazioni e utenti, tutti abbiamo la responsabilità comune di adottare misure per garantire il buon funzionamento di Internet durante la battaglia contro la propagazione dei virus”. Così in una nota il francese Thierry Breton, commissario europeo per il Mercato interno, spiega la necessità di tutelare il web dalle problematiche legate al sovraffollamento di utenti attivi. Tra i fattori di rischio paventati dalla Commissione in relazione all’eccessivo traffico sul web, ci sarebbero anche i Giga necessari a caricare film e serie TV, le cui visualizzazioni sarebbero cresciute sensibilmente con l’entrata in vigore dei decreti governativi che impongono la quarantena ormai a oltre 150 milioni di europei.

L'incontro con Netflix

Con riferimento a tale rischio, il commissario Breton, nella giornata di ieri, ha incontrato Reed Hastings, amministratore delegato di Netflix, per discutere di come ridurre la congestione su Internet. A riportare l’incontro è stato il sito di notizie Politico

Stop all'alta definizione?

Breton - egli stesso ex amministratore delegato di imprese di telecomunicazioni - e Hastings hanno discusso delle opzioni in campo per un passaggio automatico temporaneo alla definizione standard, anziché all'alta definizione, nelle ore ‘di punta’ . I due si sono quindi dati appuntamento ai prossimi giorni per approfondire questa opzione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ingorghi sul web

L'attività di Internet è aumentata in tutta Europa dopo che i Governi di vari Paesi Ue - a partire da quello italiano - hanno chiesto ai propri cittadini di rimanere chiusi in casa per ridurre al minimo le possibilità di contagio di coronavirus. L’incoraggiamento, se non l’imposizione, di rimanere a casa ha coinvolto anche le imprese, che hanno subito preso misure logistiche per permettere il teleworking, andando a caricare ulteriormente il traffico di internet con i milioni di Giga necessari a lavoratori e aziende Ue per comunicare in continuazione sul web. Le infrastrutture digitali stanno reggendo, per il momento. Ma i rischi sono dietro l’angolo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Per l'Ue anche l'Italia è zona rossa: si salva solo la Calabria (che però perde il "bollino" verde)

  • Svezia sicura della sua strategia, elimina anche le restrizioni per anziani e vulnerabili

  • L'Olanda manda i malati di Covid in Germania: "Nelle terapie intensive solo 200 posti ancora liberi"

  • Dopo la Brexit il Regno Unito pensa di espellere i senzatetto stranieri

  • La Corte Ue "salva" il taglio dei vitalizi agli eurodeputati italiani

  • Si rifiuta di stringere la mano alle donne. Negata cittadinanza a medico libanese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento