Con lotta al traffico di droga in Europa recuperati due miliardi

A tanto ammonta il valore dei beni confiscati alla criminalità organizzata grazie al lavoro di coordinamento tra le autorità giudiziarie dei vari Stati che avviene attraverso l'agenzia Eurojust

Un swquestro di droga in Romania - foto Ansa EPA/ROBERT GHEMENT

Soltanto lo scorso anno gli Stati membri dell'Unione europea hanno bloccato il traffico illecito di stupefacenti per un valore di oltre 2,8 miliardi di euro e congelato circa 2 miliardi di euro di beni appartenenti alla criminalità nonché sequestrato oltre un migliaio di armi, telefoni cellulari, computer portatili e automobili.

Indagini coordinate

Grazie alle indagini delle autorità nazionali condotte con il sostegno di Eurojust attraverso giornate di azione, riunioni di coordinamento e altro tipo di sostegno giudiziario, sono state arrestati 2.686 sospetti. Sono stati intercettati 788.133 chili di droghe sintetiche, 28.585 chili di cocaina, 9.224 chili di eroina e 41.283 chili di cannabis. Il numero totale di casi supportati o coordinati attraverso Eurojust, agenzia guidata da Ladislav Hamran, è cresciuto del 17% l'anno scorso, arrivando a 7.804, una cifra che è più del doppio del numero di casi trattati nel 2014 (3.401).

Criminalità transfrontaliera

“Il nostro ruolo è assistere gli Stati membri nella lotta alla criminalità transnazionale e fornire risultati concreti, al fine di ottenere giustizia e dimostrare ai cittadini che la criminalità non paga”, ha dichiarato Hamran. “È solo attraverso un coordinamento transfrontaliero così attivo e al ruolo cardine dell'Agenzia che possiamo davvero combattere la criminalità organizzata internazionale”, ha rivendicato il commissario alla Giustizia, Didier Reynders, secondo cui “i criminali non si fermano ai confini”, e per questo “la cooperazione giudiziaria europea è essenziale per agire contro di loro".

droga-eurojust-schema-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Olanda legalizzerà la 'liquefazione' in alternativa alla cremazione o alla sepoltura dei morti

  • Bimba di 2 anni uccisa dalla polizia, mobilitazione internazionale per chiedere giustizia

  • In Romania una persona su quattro non ha i servizi igienici in casa, in Italia in 360mila

  • “La Germania confina con l’Italia”, la gaffe della presidente della Commissione von der Leyen

  • Perché Polonia e Ungheria bloccano il Recovery fund (e i fondi per l'Italia). E cosa c'entrano i migranti

  • Sci, Austria contro l'Italia: "Nostri impianti resteranno aperti, se Ue ci obbliga ci risarcisca"

Torna su
EuropaToday è in caricamento