Traffico di animali vivi, il M5s attacca Tajani: "Blocca istituzione commissione d'inchiesta"

L'accusa dell'europarlamentare Eleonora Evi: "Prendiamo atto che al presidente del Parlamento Ue non interessa affatto che si calpestino le procedure democratiche né che la richiesta di 223 eurodeputati cada nel vuoto"

“Il presidente del Parlamento europeo, per la seconda volta, e senza motivazioni chiare, vieta ai deputati la possibilità di votare sulla costituzione di una commissione di inchiesta sul trasporto di animali vivi. Un comportamento scorretto, che ci indigna e che condanniamo”. Lo dice l'eurodeputata del Movimento 5 Stelle, Eleonora Evi, dopo la bocciatura, oggi, nella Conferenza dei Presidenti del Parlamento europeo, della richiesta di calendarizzare il voto sulla commissione di inchiesta nella plenaria di Strasburgo.

La Conferenza dei presidenti, l’organo parlamentare più potente che, composto dagli otto presidenti dei gruppi politici presenti al Parlamento europeo, si riunisce per stabilire insieme al Presidente del Parlamento Antonio Tajani cosa inserire nell'ordine del giorno della plenaria, oggi, per la seconda volta, dopo il primo 'no' incassato il 15 marzo scorso a cui ci siamo opposti con fermezza, ha deciso che il voto sulla costituzione di una Commissione di inchiesta sul trasporto di animali vivi non approderà mai in plenaria. “In più hanno usato un modo antidemocratico – aggiunge Evi – perché hanno di nuovo fatto orecchie da mercante di fronte alla richiesta di inserire il voto nell'ordine del giorno espressa da 223 parlamentari, tra cui tutto il Movimento 5 Stelle”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le motivazioni del diniego? Una situazione simile, ma non precisata, avvenuta in passato, in cui si era preferito bypassare l'istituzione di una Commissione di inchiesta con una relazione all'interno delle commissioni parlamentari. Apparentemente, in quel caso la Commissione di inchiesta venne implicitamente rigettata e al suo posto si fece fare una relazione di implementazione. “Uno strumento non legislativo – spiega Evi - e con un valore politico infinitamente minore rispetto a una commissione di inchiesta che valuti in modo serio e approfondito le violazioni delle norme sul benessere degli animali durante il trasporto. Prendiamo atto del fatto – conclude l'eurodeputata – che a Tajani non interessa affatto che si calpestino le procedure democratiche né che la richiesta di 223 eurodeputati cada nel vuoto. Con buona pace della retorica che puntualmente sfodera a noi tutti sull'allontanamento dei cittadini dalle istituzioni europee e sulla necessità di recuperare il deficit di credibilità accumulato da Bruxelles.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In Svezia non c'è la seconda ondata, l'epidemiologo di Stato: "La nostra strategia è sostenibile"

  • "Chiamatemi Principessa", la figlia illegittima del re vuole i titoli. Ma la Casa reale dice no

  • “Salvini marionetta di Putin”, l'alleato di Berlusconi attacca la Lega

  • La Germania ha deciso: il vaccino per il coronavirus sarà volontario

  • Ryanar taglia il 40% dei voli a ottobre e accusa i governi Ue: "Cattiva gestione della crisi Covid"

  • I profitti sono cresciuti del 35%, ma Amazon paga solo il 3% di tasse in più

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento