rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Diritti / Irlanda

Pasticcere si rifiuta di fare una torta per sposi gay. La Corte dei diritti umani gli dà ragione

La causa era partita da un attivista Lgbt+ contro una ditta di Belfast, in Irlanda del Nord, gestita da cristiani evangelici

Dopo sette anni di battaglie legali si è conclusa alla Corte europea per i diritti umani il ricorso con cui un attivista Lgbt+ aveva cercato di far condannare per discriminazioni una pasticceria di Belfast che si era rifiutata di preparare una torta con la scritta “supporta il matrimonio gay”.

Come ricostruisce il Guardian il tribunale di Strasburgo ieri, con una decisione a maggioranza, ha dichiarato che non avrebbe riconsiderato la decisione della Corte suprema del Regno Unito, che aveva annullato un risarcimento di 500 sterline imposto alla panetteria nord irlandese Ashers, gestita da cristiani evangelici. Nel 2014 Ashers si era rifiutata di produrre un dolce con i pupazzi di Sesame Street, Bert ed Ernie, commissionata dallo stesso Gareth Lee, che era un sostenitore della campagna per legalizzare il matrimonio tra persone dello stesso sesso nella nazione britannica, dove le unioni omosessuali sono state legalizzate solo lo scorso anno.

Prima della sentenza della Corte Suprema di Londra nel 2018, un tribunale della contea di Belfast e una corte d'appello avevano stabilito che la società aveva discriminato Lee, che è gay, sulla base dell'orientamento sessuale, comminando una multa di 500 sterline. Dopo l'annullamento di questa decisione da parte del tribunale supremo britannico l'uomo aveva portato il caso a Strasburgo. Ma ora la Cedu ha affermato che il ricorso era inammissibile perché il ricorrente non aveva invocato espressamente i suoi diritti ai sensi della Convenzione europea sui diritti dell'uomo durante il procedimento nazionale e si era basato esclusivamente sul diritto del Paese.

“La Corte Suprema ha stabilito sui fatti del caso che il ricorrente non è stato trattato in modo diverso a causa del suo orientamento sessuale reale o percepito, ma piuttosto che il rifiuto di fornire la torta è stato a causa dell'obiezione religiosa degli imputati nei confronti del matrimonio gay”, afferma la sentenza. Per la Corte quindi “ciò che era principalmente in discussione, quindi, non era l'effetto sulla vita privata del ricorrente o sulla sua libertà di avere o esprimere le sue opinioni o convinzioni, ma piuttosto se il panificio Ashers fosse tenuto a produrre una torta che esprimesse il sostegno politico del ricorrente al matrimonio gay". Il loro rifiuto era quindi legittimo.

Lee si è lamentato del fatto che la sentenza si sarebbe basata su “tecnicalità”, sostenendo che “nessuno di noi dovrebbe essere obbligato a capire le convinzioni dei proprietari di un'azienda prima di entrare nel loro negozio o pagare per i loro servizi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pasticcere si rifiuta di fare una torta per sposi gay. La Corte dei diritti umani gli dà ragione

Today è in caricamento