A Berlino impazzano i 'taxi della cocaina'

Consegne a domicilio della droga sempre più semplici nella capitale tedesca, lo scorso anno 35 persone sono morte a causa del consumo della sostanza stupefacente

Foto Ansa - EPA/FELIPE TRUEBA

La polizia di Berlino è alle prese con un fenomeno in crescita, quello dei cosiddetti 'taxi della coca', lo spaccio attraverso auto che consegnano all'indirizzo richiesto la droga ordinata.

Decessi nella capitale

Negli ultimi due-tre anni la cocaina ha cominciato ad avere un ruolo sempre più importante sulla scena dello spaccio di stupefacenti a Berlino ed è la seconda causa di decesso tra quelli per droga nella capitale, dopo l'eroina. Nel 2018 le persone decedute per consumo di cocaina sono state 35, nel luglio 2019 la polizia aveva già registrato 25 casi. Solo tra i mesi di maggio ed ottobre sono state aperte 35 nuove inchieste al riguardo, riferisce l'emittente Rbb.

Le consegne

I clienti ordinano un 'taxi' attraverso una telefonata o l'invio di un messaggio contenente l'indirizzo ad un numero privato che li connette ad una sorta di call center. Nel giro di 15 minuti, un'auto raggiunge l'indirizzo indicato. La consegna avviene solitamente in auto. "Attualmente abbiamo un tale lavoro con queste indagini sulla cocaina da impegnare l'intero dipartimento di polizia. Non era così negli anni passati", ha dichiarato Olaf Schremm, capo del dipartimento investigativo a Rbb24. A maggio, la polizia ha arrestato due uomini a Berlino per aver consegnato cocaina in auto. In un'auto hanno trovato un chilogrammo di droga per il valore di 40mila Euro e due armi finte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • “Dal 1 gennaio basterà un ritardo di pagamento di 100 euro per finire nella blacklist delle banche”

  • Partecipa a orgia con 24 uomini, deputato del partito di Orban fermato dalla polizia a Bruxelles

  • Svizzera nuova Svezia? Senza lockdown ha dimezzato i contagi, ma è stato boom di morti

  • Pistola e lingotti d'oro nel comodino del premier bulgaro. Che si difende: “Colpa di una bella donna”

  • Il 2020 è anche l'anno dell'elezione di Adolf Hitler (in Namibia)

  • "Alexa è antisemita", Amazon apre un'inchiesta sull'assistente virtuale

Torna su
EuropaToday è in caricamento