menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tajani sprona gli Stati membri: “Sulla riforma di Dublino decidano a maggioranza”

Il presidente del Parlamento europeo chiede al Consiglio di prendere una decisione sulla riforma del regolamento sull'Asilo e di superare i “veti” dei Paesi contrari

Non si può più attendere e l'Unione europea deve decidere, come ha fatto il Parlamento europeo, sulla riforma del regolamento di Dublino sull'Asilo politico. Lo chiede con forza il presidente dell'Assemblea comuntaria, Antonio Tajani, secondo cui sulla riforma di Dublino "vanno rispettate le regole e va seguita la procedura ordinaria" che prevede che "si possa votare a maggioranza qualificata per dare nuove regole sui rifugiati e avere più solidarietà europea".

Tajani contesta la posizione del presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, che ha chiesto di procedere per "consenso" sulla questione. Il Parlamento dal canto suo ha votato un testo che chiede il superamento del principio secondo il quale è lo Stato di primo ingresso che deve farsi carico della domanda d'asilo. “La democrazia è fatta di opinioni diverse ma anche di maggioranza e minoranza, se non si raggiunge l'unanimità si deve decidere a maggioranza qualificata”, ha spiegato il presidente nella conferenza stampa dopo il suo intervento al Vertice Ue. Tajani sa che un consenso non potrà mai essere raggiunto a causa dei possibili veti di diversi Paesi.

“La politica dei veti non funziona”, ha denunciato sottolineando che il tema dell'immigrazione e della solidarietà tra gli Stati membri “rappresenta una priorità per i cittadini che chiedono all'Europa di affrontare insieme la situazione”. “Io mi auguro che ci sia una maggioranza più ampia possibile” sulla riforma di Dublino in Consiglio Ue, ma se non sarà così “chi non è d'accordo deve accettare” comunque la decisione presa perché “la democrazia è fatta così”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento