menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Commissione Ue contro la Superlega: "Difendere sport basato su valori"

Anche il presidente francese Macron e il premier britannico Johnson contestano la decisione di 12 club europei (tra cui Juve, Milan e Inter) di creare una nuova competizione calcistica riservata alle squadre più ricche

La nuova Superlega che riunirà i migliori (e più ricchi) club di calcio d'Europa non piace alla Commissione europea. "Dobbiamo difendere un modello di sport europeo basato sui valori, basato sulla diversità e l'inclusione. Non c'è spazio per riservarlo a pochi club ricchi e potenti", ha detto il vicepresidente dell'esecutivo Ue Margaritis. "Universalità, inclusione e diversità sono elementi chiave dello sport europeo e del nostro stile di vita europeo", ha aggiunto. 

La posizione dell'Ue non stupisce: già a gennaio Bruxelles si era schierata con Fifa e Uefa, che avevano denunciato il tentativo di costruire una competizione esclusiva. All'epoca si parlava di 5 club inglesi già imbarcati nel nuovo progetto, con spagnoli e italiani pronti ad aderire. Oggi, i club che hanno ufficializzato la nuova Superlega sono 12: gli inglesi Manchester United, Liverpool, Manchester City, Arsenal, Chelsea e Tottenham, gli spagnoli Real Madrid, Barcellona e Atletico Madrid, e poi Juventus, Milan e Inter. Altre 3 squadre si sarebbero unite al progetto, ma i nomi non sono ancora noti.

Di sicuro, delle big del calcio mondiale mancano all'appello diversi club, come Psg e Bayern Monaco. Per i francesi forse pesa la presa di posizione del presidente transalpino Emmanuel Macron, che ha annunicato la sua ferma opposizione alla Superlega, dicendo che la Francia sosterrà "tutti i passi" compiuti dagli organi di governo del calcio per difendere le competizioni esistenti. Sulla stessa linea il premier britannico Boris Johnson, secondo cui la creazione di una Superlega sarebbe "molto dannosa per il calcio" e per questo sarà al fianco di Uefa e Fifa. Secondo i media inglesi, anche il premier italiano Mario Draghi e quello spagno Pedro Sanchez dovrebbero rilasciare dichiarazioni simili

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

EuropaToday è in caricamento