rotate-mobile
Martedì, 27 Settembre 2022
Non siete Stato voi / Francia

Si suicida prete che aveva denunciato abusi nella chiesa francese

La gestione della Curia della nazione messa sotto accusa dopo il gesto estremo, i suoi cari puntano il dito contro disfunzioni all'interno del Vaticano

Un prete francese, che aveva denunciato gli abusi di potere all'interno della Chiesa, si è suicidato e il tragico evento sta mettendo sotto accusa la gestione della Curia nella nazione. Come riportato da La Croix, François de Foucauld, 50 anni, era stato sacerdote per 18 anni e aveva esercitato il suo ministero in diverse parrocchie della diocesi di Versailles. 

Per i suoi cari, il tragico gesto rivela le disfunzioni dell'esercizio del potere all'interno della Chiesa cattolica. Sui social network il dibattito si è intensificato, dando alla vicenda una dimensione nazionale. In pochi giorni, è diventato l'emblema dell'abuso di autorità e della sofferenza sul lavoro dei sacerdoti che avrebbero poche possibilità di ricorso, non essendo tutelati dal diritto del lavoro come gli altri dipendenti. Gli amici del sacerdote hanno incolpato esplicitamente la diocesi di Versailles, con conflitti tra un gruppo di fedeli e il sacerdote che sono sfociati in lettere di protesta al vescovo, interruzioni delle sue omelie, insulti e persino minacce.

Secondo il racconto di Nicolas Jourdier, un produttore cinematografico che si presenta come suo amico, la vicenda è iniziata dopo la sua nomina a Bois d'Arcy nel settembre 2014, quando un piccolo gruppo di parrocchiani che deteneva la gestione della parrocchia è entrato in conflitto con lui.

Inizialmente latente, il conflitto è scoppiato alla luce del sole alla fine del 2018 con lettere di denuncia al vescovado, interruzioni delle sue omelie, insulti e persino minacce. Il sacerdote chiese quindi al vescovo di allora, monsignor Eric Aumonier, di poter leggere le lettere o almeno di essere a conoscenza dei rimproveri rivolti al vescovado. Aumonier ha rifiutato, appellandosi al diritto alla riservatezza. Infine, è stata convocata una riunione con il vescovo ausiliare e gli accusatori del parroco per chiarire la situazione. Quest'ultimo si è rifiutato di partecipare.

Don Foucauld ha consultato un avvocato per avviare un procedimento per molestie, ma anche questo non è andato a buon fine e allora ha iniziato uno sciopero della fame per chiedere una udienza per discutere delle disfunzioni della curia diocesana, che il vescovo ha accettato, ma che si è conclusa "con gravi accuse, soprattutto finanziarie, contro il parroco e la sua équipe". 

L'audit, consegnato ai membri del consiglio episcopale, comprende, tra gli altri elementi, indiscrezioni, presentate come tali, sulla vita privata del religioso, accusato di avere una amante, e sulla sua salute psicologica, nonché accuse di scarso controllo delle finanze parrocchiali. Il nuovo vescovo della diocesi, monsignor Luc Crépy, insediatosi nel febbraio 2021, ha riconosciuto in una lettera dell'11 aprile 2022 che "le affermazioni fatte sul sacerdote non sono supportate da alcuna prova" e "sono infondate", e che "l'audit ha seguito una metodologia particolarmente discutibile e contraria all'etica professionale", e ha chiesto al sacerdote di tornare in diocesi nel febbraio 2021.

Ma la situazione è cambiata di nuovo il 13 maggio 2022, quando il vescovo gli chiese di non avviare "alcuna forma di procedimento contenzioso, davanti a qualsiasi autorità, contro nessuno". Un mese e mezzo dopo, il primo luglio, il sacerdote ha posto fine alla sua vita.

Padre François aveva criticato apertamente, anche nei media, come "troppo spesso è una piccola cerchia di clero e laici intorno al vescovo ad avere l'ultima parola". "Se la Chiesa chiede obbedienza nell'esercizio di un ministero, deve in cambio lasciare al clero e ai laici una parte dell'iniziativa nell'esercizio di questa obbedienza", aveva sottolineato il sacerdote.

A dicembre, aveva pubblicato un articolo sul quotidiano La Croix denunciando "una costrizione al silenzio imposta da alcuni" nella Chiesa. In quell’occasione aveva chiesto "libertà di parola" e "considerazione dei testimoni di abusi di potere" per "discernere gradualmente insieme regole chiare e pacifiche di governo all'interno della Chiesa". Nell'articolo aveva analizzato il meccanismo degli abusi di potere nella Chiesa, di cui ha detto di essere stato vittima. "La parola è chiusa. Troppo spesso è una piccola cerchia di chierici e laici intorno al vescovo ad avere l'ultima parola. Questa coercizione al silenzio imposta da pochi non avviene più".

Negli ultimi quattro anni, sei sacerdoti si sono suicidati in Francia. Quattro di loro "sono stati coinvolti in casi di 'gesti inappropriati' o aggressioni sessuali". Tutti hanno fatto ricorso all'impiccagione.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si suicida prete che aveva denunciato abusi nella chiesa francese

Today è in caricamento