Martedì, 3 Agosto 2021
Attualità

Tornano a salire i casi, in parte della Spagna imposto di nuovo il coprifuoco

La stretta nella regione di Valencia dove saranno vietati anche le riunioni sociali con più di dieci persone. “Vogliamo frenare la ripresa della pandemia di coronavirus”

In parte della Spagna torna il coprifuoco notturno in seguito al recente aumento dei casi di coronavirus nel Paese. L'Alta corte di Giustizia di Valencia ha autorizzato le nuove misure che comprendono la limitazione a un massimo di 10 persone delle riunioni sociali e familiari in tutta la regione e il coprifuoco tra l'1 e le 6 in 32 località di più di 5 mila abitanti che presentano un rischio epidemiologico maggiore di Covid-19.

Le autorità regionali responsabili della risposta alla pandemia necessitano dell'autorizzazione del tribunale o di un decreto governativo per misure rigorose tra cui blocchi, divieti di viaggio e coprifuoco. "Si tratta di misure proporzionate per fare in modo di frenare la ripresa della pandemia", ha affermato il leader regionale di Valencia, Ximo Puig. Come riporta la Reuters la regione orientale, che per settimane ha avuto uno dei tassi più bassi del Paese con meno di 50 contagi ogni 100mila abitanti, ha superato la soglia di 250 casi, soglia che indica un rischio estremo. A livello nazionale, i casi hanno iniziato a risalire dalla metà di giugno dopo un lungo declino, spinti dalla variante Delta più contagiosa, soprattutto tra i gruppi più giovani.

"In Spagna stiamo diventando esperti nell'allentamento prematuro delle restrizioni. Quando abbiamo deciso di revocare le restrizioni in questa quarta ondata, non c'era abbastanza immunità tra i cittadini per rimuovere molte delle misure", ha attaccato il dottor Rafael Bengoa, co-fondatore dell'Istituto di Bilbao per la salute e la strategia. Secondo il medico le autorità si sono affrettate a riaprire il Paese per sostenere il turismo ma non avrebbero basato le loro decisioni su dati epidemiologici.

Ma Madrid ha sostenuto che non bisogna lanciare allarmi sul coronavirus e l'esecutivo ha mantenuto la sua previsione di 40 milioni di turisti stranieri per il 2021, che sono comunque la metà rispetto al 2019. La ministra del Turismo, Reyes Maroto, in un'intervista radiofonica a "Cope", ha affermato che questa estate "è molto diversa dal 2020" grazie alla campagna di vaccinazione in corso che è la "migliore certezza e la migliore politica economica" per recuperare il turismo. A questo proposito, Maroto ha evidenziato che nonostante la crescita dell'incidenza accumulata la pressione ospedaliera non è aumentata. Pur invitando alla "cautela", dunque, secondo la ministra la campagna di vaccinazione, con oltre 21 milioni di persone che hanno ricevuto entrambe le dosi, fornisce "elementi di sicurezza per lasciarsi alle spalle la pandemia". In Spagna il tasso di coronavirus tra le persone di età compresa tra 20 e 29 anni è salito a 1.047 casi ogni 100mila persone, hanno detto venerdì le autorità sanitarie. Il tasso di contagio in due settimane è salito a 316 casi ogni 100mila abitanti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tornano a salire i casi, in parte della Spagna imposto di nuovo il coprifuoco

Today è in caricamento