Non solo Salvini: con il coronavirus i sovranisti Ue hanno perso consensi

Uno studio realizzato da Politico evidenzia come la Lega e i tedeschi dell'AfD siano i partiti euroscettici che hanno avuto una maggiore flessione nei sondaggi. In controtendenza Fratelli d'Italia

Matteo Salvini e la leader del Rassemblement national Marine Le Pen

Il calo nei sondaggi della Lega da quando è scoppiata la pandemia di coronavirus, e il contemporaneo aumento della fiducia verso il presidente del Consiglio, non è un fenomeno che riguarda solo l'Italia. Secondo uno studio dell'autorevole quotidiano Politico, infatti, a dispetto del ripristino dei confini nazionali e di una generalizzata polemica a livello continentale per la lentezza con la quale l'Unione europea ha reagito all'emergenza, nei Paesi Ue si è assistito a un complessivo arretramento dei partiti della destra sovranista.E a un rafforzamento dei consensi verso i governi. 

Nel suo sondaggio, Politico sottolinea anche l'assenza, a livello europeo, di movimenti anti lockdown. A parte qualche sporadica azione che ha visto protagonisti in Italia Forza Nuova e a Berlino un migliaio di esponenti di estrema destra, in Europa non c'è stato finora nulla di paragonabile a quanto avvenuto negli Stati Uniti, con le tante proteste organizzate dai gruppi vicini alla destra pro Trump. Sembra, scrive Politico, che il fronte sovranista e populista europeo si sia quasi trovato spiazzato di fronte all'insolito spettacolo di una Ue costretta a chiudere i suoi confini e a ripristinare severi controlli anti immigrazione a causa della pandemia. E se i partiti della destra sovranista, in gran parte all'opposizione, stentano nei sondaggi, pur mantenendo in alcuni casi un forte sostegno popolare, al contrario i partiti di governo sembrano avere beneficiato dell'emergenza, per l'effetto di 'unità attorno alla bandiera' che si verifica durante le grandi crisi nazionali.

In base a un aggregatore di sondaggi che ha come riferimento le rilevazioni effettuate al 1 gennaio di quest'anno e raccoglie i dati fino al 21 aprile, AfD (Germania) perde in media il 4,1%, la Lega (Italia) il 4%, l'Sns (Slovacchia) il 3,9%, Sd (Svezia) il 3,2%, Fpo (Austria) il 2,9%, FvD (Olanda) e PS (Finlandia) il 2,8%, Vox (Spagna) e PVV (Oanda) l'1,8%, DF (Danimarca) l'1,4% e Spd (Repubblica Ceca) l'1%. Gli unici partiti della destra sovranista che invece crescono nei sondaggi, vedono in testa il Pis (Polonia) con un +3,8%, Fratelli d'Italia +2,8% e Fidesz (Ungheria) +2,6%. Lo studio di Politico non cita il Rassemblement national di Marine Le Pen, la principale alleata di Salvini in Europa, ma un recento sondaggio del settimanale Les Echos rileva un calo del 3% nei consensi nell'ultimo mese. 

A penalizzare molti partiti della destra sovranista, secondo le rilevazioni, potrebbe essere stato anche l'atteggiamento ondivago di alcuni di loro di fronte all'emergenza coronavirus. Su tutti, vale l'esempio dei tedeschi di AfD, che all'inizio della pandemia hanno sottovalutato i rischi, con un atteggiamento che ha ricalcato quello del presidente Usa Donald Trump. Il coronavirus è "più leggero del virus dell'influenza", dichiarò Axel Gehrke, deputato di AfD e responsabile Sanità del partito, spingendosi a definire il Covid-19 il "gigantesco fake dell'anno". Salvo poi, all'inizio di aprile, scagliarsi contro il governo di Angela Merkel, accusato di avere reagito troppo tardi all'emergenza. AfD naviga ora intorno al 10% nei sondaggi, il suo livello più basso da due anni e mezzo a questa parte.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Stessa sorte di Vox, in Spagna, che si è scagliato contro le misure di lockdown imposte dal governo di Pedro Sanchez, pagando a quanto sembra in termini di consenso (virtuale) questa sua posizione, con una perdita di 2 punti percentuali rispetto a gennaio. Se l'emergenza sembra finora aver premiato i partiti di governo e i leader al comando - su tutti vale l'esempio del premier italiano Giuseppe Conte, che ha raggiunto un indice di approvazione del 71 per cento - è possibile, scrive Politico, che la fase post emergenza, con le sue gravi conseguenze economiche, possa ribaltare completamente lo scenario. La recessione che colpirà l'Europa, con le stime dell'Fmi che indicano una contrazione del 7,5% per l'Eurozona, e il malcontento che inevitabilmente scaturirà da una contrazione dei redditi e un aumento della disoccupazione potrebbero far risalire in fretta i consensi dei partiti di destra. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Per l'Ue anche l'Italia è zona rossa: si salva solo la Calabria (che però perde il "bollino" verde)

  • Svezia sicura della sua strategia, elimina anche le restrizioni per anziani e vulnerabili

  • L'Olanda manda i malati di Covid in Germania: "Nelle terapie intensive solo 200 posti ancora liberi"

  • Dopo la Brexit il Regno Unito pensa di espellere i senzatetto stranieri

  • La Corte Ue "salva" il taglio dei vitalizi agli eurodeputati italiani

  • Si rifiuta di stringere la mano alle donne. Negata cittadinanza a medico libanese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
EuropaToday è in caricamento